“Stiamo brancolando nel buio” è la frase pronunciata da Franco Morbidelli dopo le Qualifiche di oggi, che meglio rappresenta la sua situazione tecnica. Morbidelli, solo decimo in Q2, continua a vivere alti e bassi prestazionali, che nemmeno nel suo box riescono a comprendere.

È stato un altro sabato in cui abbiamo capito poco. Non riesco a capire cosa mi serve, non riesco a guidare”, spiega Morbidelli a motori spenti. “Dobbiamo tenere i nervi saldi e rimanere analitici come sempre”.

Guarda la MotoGP live su DAZN. Attiva Ora

"Spero di poter risolvere presto la situazione"


Il numero 21 passa poi ad analizzare il suo turno di qualifiche. “Ho fatto un primo time attack decente, ma nel secondo il feeling è scomparso. Rischiando di più, ho fatto lo stesso tempo del primo tentativo. Spero che questa situazione si possa risolvere presto”.

Le mie sensazioni non sono mai state buone, sono rimaste tali qualsiasi cosa facessimo. A volte mi sono sentito meglio sulla moto, ma queste sensazioni andavano via da un turno all’altro. Non sappiamo il perché accada questo, è difficile, ma mai arrendersi. Domani proveremo altre cose, spero che almeno la velocità torni simile a quella mostrata in FP4 per riuscire a prendere dei punti”.

Una confusione incomprensibile, quella vissuta dal pilota Petronas, ma condivisa con molti altri piloti. “Molti piloti si sentono confusi, anche io lo sono”, ammette Morbido. “Non lo so cosa stia succedendo, spero che qualsiasi cosa essa sia, vada via presto”.

In queste condizioni diventa difficile anche lasciare un commento sulle condizioni del tracciato, criticate da molti piloti, tra cui il ducatista Jack Miller. “Non riesco a commentare le condizioni della pista per via delle mie cattive sensazioni in moto. Le definirei pessime”, si limita a dire Franco. “La mia situazione è difficile, è complicato individuare una causa precisa, pneumatici, telaio o qualsiasi cosa essa sia”.

Attiva ora DAZN e guarda le gare di MotoGP, Moto2 e Moto3 live e on demand

"Non ho ancora parlato con Valentino"


Se i piloti factory sembrano volare tra le curve del Qatar, i piloti Petronas faticano come non mai: una situazione che non fa dubitare Morbidelli del trattamento ricevuto da Yamaha. “Mi sono chiesto perché sto soffrendo così tanto, come mai quando guido ho sensazioni così negative nonostante i vari cambiamenti. Non mi sono mai fatto domande riguardo il supporto Yamaha nei confronti del team Petronas, vedo sempre uomini importanti di Iwata nel nostro box”.

Il romano conclude parlando proprio del suo compagno di box, autore di una qualifica disastrosa. “Se mi sono confrontato con Rossi? No, ho parlato solo con Uccio. Ho visto che Vale sta facendo molta fatica, anche questo è molto strano. Non ci siamo parlati perché siamo immersi nel nostro lavoro, non riusciamo a vederci mai”, conclude il vice campione del mondo MotoGP 2020.

Qualifiche MotoGP Doha, Parco Chiuso: i commenti dei primi tre