Quartararo, voto 10: resuscitato

Questa volta il pilota francese ha dato la zampata che da tempo aspettavamo. Uno cosi’ talentuoso non poteva perdersi per strada. Finalmente è ritornato il sorriso dei tempi migliori e adesso avanti senza pressioni.

Joann Zarco, voto 9: concreto

Con la Ducati e con una squadra super come la Pramac il pilota francese sembra aver ritrovato la sua vera dimensione di pilota di alta classifica. Aveva ragione l’ingegner Gigi Dall’Igna quando lo ha voluto ingaggiare a tutti i costi quando aveva clamorosamente divorziato dalla KTM. I fatti danno ragione ad entrambi.

Jorge Martin, voto 9: sorpresa

Weekend che lo spagnolo non dimenticherà mai nei ricordi sportivi. Una pole position al secondo gran premio disputato nella classe regina ed un podio meritato e sopratutto con 18 giri in testa. Cosa chiedere di più come esordio?

MotoGP Doha: il team Ducati Pramac continua a sognare

Alex Rins, voto 8: accontentato

Certamente un quarto posto non accontenterà mai un campione, ma su una pista così veloce e non adatta alla sua Suzuki è grasso che cola. Alla fine era abbastanza soddisfatto anche perché ha messo dietro il suo compagno di squadra campione del mondo. Sarà una bella battaglia.

Maverick Vinales, voto 7,5: insoddisfatto

Il solito Vinales che dopo un Gran Premio vinto alla grande e dato per favorito si è perso nuovamente in una partenza disastrosa come spesso gli capitava la scorsa stagione ed è ritornato l’oggetto misterioso. Lo aspettiamo al varco.

Francesco Bagnaia,  voto 6: erroraccio

Un brutto errore a cinque giri dalla fine gli ha compromesso un podio quasi certo, che gli avrebbe dato la fiducia necessaria per il futuro. Poco male perché in classifica generale è al quarto posto. Però non deve succedere più.

Joan Mir, voto 6.5: enigmatico

Troppo nervoso il campione del mondo in carica, battaglia in pista con l’australiano Jack Miller e battaglia verbalmente nel dopo gara, dove ha chiesto la penalizzazione dell’avversario accusandolo di grave scorrettezza. Diamoci una calmata.

VOTA IL SONDAGGIO: MotoGP Doha, chi ha ragione tra Mir e Miller?

Brad Binder, voto 7: patriottico

Ha tenuto in piedi la bandiera della casa austriaca, ma ci vuole ben altro per puntare ai podi. Merita un buon voto perché la KTM qui in Qatar ha fatto passi indietro rispetto alla scorsa stagione. Urgono rinforzi da tutti i punti di vista.

Jack Miller, voto 6: irascibile

E’ sicuramente condizionato dal dolore al braccio destro, che lo ha bloccato a 7 giri dalla fine del Gran Premio e che opererà questa settimana a causa della sindrome comportamentale. Detto ciò è troppo nervoso e quello fatto a Mir mi sembra colpa sua.

GP Doha, Melandri: “Miller era da bandiera nera”

Aleix Espargaro, voto 7: riflessivo

Ha sbagliato i rapporti del cambio decisi all’ultimo minuto e questo non gli ha permesso di esprimersi al suo meglio. Comunque è la seconda gara che porta a casa due buoni risultati, che portano acqua al mulino della casa di Noale. Si attende come il pane l’Arrivo di Andrea Dovizioso.

Enea Bastianini, voto 7

Sembra proprio che Enea abbia trovato gusto a guidare la Rossa di Borgo Panigale, soprattutto durante i Gran Premi. A 7 giri dalla fine i capelli gli sono andati sugli occhi e non gli hanno permesso di fare meglio. Comunque i suoi tempi erano da quinto o sesto posto. Urge taglio dei capelli, comunque bravissimo.

Franco Morbidelli, voto 6,5: speranzoso

Dopo un weekend disastroso insieme ai suoi tecnici ha deciso di correre il Gran Premio con la moto della scorsa stagione ed è sicuramente andata meglio. Comunque la situazione all’interno del team Petronas sembra peggiorata rispetto alla scorsa stagione  Urgono rimedi.

MotoGP Doha, disastro Petronas: Rossi-Morbidelli, coppia che non va?

Pol Espargaro, voto 5: spaesato

La prima Honda all’arrivo è la sua ma in tredicesima posizione, a 6 secondi dal vincitore: un vero disastro. La sua moto sarà complicata, ma lui francamente sembra un pesce fuor d’acqua e la decisione di averlo ingaggiato sembra al momento un mezzo fallimento.

Stefan Bradl, voto 6: collaudatore-pilota

Non dovrebbe essere certamente lui a salvare l’onore della casa giapponese, ma sembra l’unico che ci capisca qualcosa. Non so se francamente gli piaccia correre in queste condizioni e soprattutto sapendo che con l’arrivo di Marquez il sacrificato debba essere proprio lui.

Miguel Oliveira, voto 5: incolore

Mi auguro solamente che si sia risparmiato per il prossimo Gran Premio del Portogallo, dove la scorsa stagione aveva trionfato alla grande. Scherzi a parte la situazione in KTM non è la migliore dal punto di vista tecnico. Vedremo sui circuiti europei.

Valentino Rossi, voto 5: inconsapevole

Francamente non si capisce cosa stia succedendo al nove volte Campione del Mondo. Tutte quante le volte il problema sembra sempre il grip posteriore degli pneumatici. Perè le altre Yamaha hanno già vinto due Gran Premi. Speriamo bene.

MotoGP Doha, Rossi: “Timidi passi in avanti, ma non sono soddisfatto”

Takaaki Nakagami, voto 4,5: inconsistente

Dove è finito il samurai giapponese della scorsa stagione, che con la sua costanza aveva disputato un signor campionato? Troppi piloti della casa giapponese non sono più gli stessi e la casa nipponica deve farsi delle domande.

Luca Marini, voto 5: deluso

Si aspettava molto di più dopo un weekend non male e con un buon passo gara. Ha avuto problemi con la gomma anteriore dopo metà gara ed il risultato non è stato dei migliori. La stoffa c’è e occorre rimboccarsi le maniche.

Danilo Petrucci, voto 5: sconcertato

Troppi problemi per Danilo nel capire la sua moto, troppa fatica per metterla a punto ed il morale non è dei migliori. Speriamo che si adatti presto perché in caso contrario sono dolori.

Lorenzo Savadori, voto 5: allievo

Più difficile del previsto l’impatto del pilota italiano con l’Aprilia. Non deve fare rimpiangere Bradley Smith, perché in questo caso sono dolori sia per lui che per la casa di Noale.

Alex Marquez, voto 4,5: disastroso

L’inizio di questa stagione per lui sembra un incubo senza fine, due brutte cadute in due Gran Premi disputati e sopratutto non in posizioni importanti. La Honda sta decimando piloti ed è meglio che il vero Marquez torni in fretta.

Iker Lecuona, voto 4: inconsistente

Non so più cosa dire di questo pilota. Lui non ne può nulla, ma chi lo ha fatto passare nella scorsa stagione in questa categoria ha fatto del male al pilota e alla casa per cui corre.

MotoGP Doha, classifica piloti: Johann Zarco suona la marsigliese