Dopo un 2020 in cui KTM si era messa ampiamente in mostra, vincendo ben tre gare e mostrando una nuova competitività, il 2021 non è iniziato con lo stesso slancio.

La conformazione del circuito di Losail non ha certamente aiutato gli alfieri della Casa austriaca, che non sono mai stati protagonisti dei due fine settimana (ecco le pagelle dell'ultima prova) e tornano in Europa con risultati non soddisfacenti. Almeno per quanto mostrato l’anno scorso, quando però non si corse su questa pista.

VOTA IL SONDAGGIO: MotoGP, KTM si riscatterà a Portimao?

Binder salva la KTM


C’è da dire però che tra le due gare si è notato un miglioramento. Se nella prima gara il miglior pilota è stato Miguel Oliveira, tredicesimo, seguito da Brad Binder, nella seconda il pilota sudafricano è riuscito a centrare la top 8. Binder, vincente nel 2020 al terzo GP nel suo anno di debutto, ha chiuso a poco meno di 5 secondi di ritardo dal primo e ha dato uno strappo al gruppo KTM. Infatti il suo compagno di squadra Oliveira, autore di una partenza show che l’ha subito portato nel gruppo di testa, nel corso dei 22 giri ha man mano perso terreno tanto da chiudere solo 15esimo. Ottenendo quindi un solo punto dal GP.

Il bottino raccolto è decisamente leggero, anche se Binder ha aperto uno spiraglio, mettendosi in mostra almeno nella seconda gara, e facendo ben sperare per le prossime gare.

La prova del nove arriverà ora nel prossimo Gran Premio stagionale, in programma il 18 aprile sul circuito di Portimao, dove appena cinque mesi fa Oliveira ha trionfato dominando tutta la gara. Sulla sua pista di casa il portoghese era riuscito a portare davanti a tutti la KTM RC16, interpretando al meglio tutti quei saliscendi, quelle pendenze e quelle curve cieche, e sarà chiamato a ripetersi. Con Binder che magari potrebbe rubargli la scena.

Disastro Tech 3


Ancora più in salita è stata per i piloti del team satellite. Il debuttante su questa pista Danilo Petrucci e il suo compagno di squadra Iker Lecuona (che è stato operato di sindrome compartimentale) hanno lasciato il Qatar a quota zero punti in campionato, dopo due gare evidentemente difficili. Entrambi ne hanno portata a termine solo una, il ternano in 19esima posizione e lo spagnolo in 17esima, ed è ora di capire cosa non ha funzionato per dare una svolta nelle prossime gare europee.

GP Doha, una gara combattuta: lo dicono i numeri