Un pilota perde un secondo a ogni figlio che gli nasce”, questa è una delle tante frasi famose di Enzo Ferrari, che con il passare del tempo però viene sempre più smentita. Infatti i tempi stanno cambiando anche tra i piloti, che scelgono di iniziare questa nuova avventura della paternità da giovani, con una lunga carriera sportiva davanti.

MotoGP, Yamaha più forte senza Valentino Rossi?

Ecco la conferma


Questa è la tendenza iniziata in MotoGP da diversi piloti, dove troviamo Aleix Espargarò, papà dei due gemellini Max e Mia, che tra pochi mesi compiranno tre anni. Proprio lo spagnolo che ora è in sella ad un'Aprilia RS-GP competitiva e sta mostrando un bel potenziale. Anche il fratello Pol ha già una bimba, e nel giro di poco anche Maverick Viñales e Alex Rins proveranno la gioia di diventare papà

Prima di tutti era stato Cal Crutchlow a diventare genitore, della piccola Willow che più volta lo ha accompagnato nel paddock durante i Gran Premi. Il lieto evento risale all'agosto del 2016 e proprio poco dopo, a Brno, l'inglese raccolse la sua prima vittoria in MotoGP. Se poi pensiamo che la leggenda della Superbike, Jonathan Rea, è a quota sei titoli iridati consecutivi ed è felicemente sposato e con due bambini, allora sì, forse possiamo davvero ammettere che i tempi sono decisamente cambiati.

MotoGP, Francesca Sofia Novello svela i retroscena del lavoro da ombrellina