Con appena quattro punti nella classifica iridata, si presentano al terzo GP della stagione Franco Morbidelli e Valentino Rossi, la coppia del team Petronas. I due appuntamenti disputati sulla pista di Losail, in Qatar, sono stati difficili per entrambi, seppur per motivi diversi, e sperano di ritrovare la retta via sul circuito di Portimao.

MotoGP, Morbidelli: "Marc Marquez? Sarà un bel problema"

Morbido ha buoni ricordi


Solo qualche mese fa la MotoGP ha debuttato su questo tracciato portoghese, dove il vero protagonista fu Miguel Oliveira. Alle sue spalle si consumò un duello tra Jack Miller e Franco Morbidelli e l’italo-brasiliano vuole ripartire proprio da qui: “Dopo essere salito sul podio in Portogallo lo scorso anno, spero che possiamo riguadagnare il nostro buon ritmo ed essere in lizza per un buon risultato anche questo fine settimana. Ogni gara è diversa. Abbiamo i dati dell'anno scorso e sappiamo di essere stati veloci, quindi almeno avremo qualcosa da usare come confronto”.

Nei due GP passati il “Morbido” ha trovato una nota positiva: “Stiamo migliorando ogni gara e abbiamo cercato di capire cosa è successo nella messa a punto della moto in Qatar, speriamo di aver trovato dei miglioramenti e di poter continuare in una direzione positiva questo fine settimana”.

MotoGP Doha, disastro Petronas: Rossi-Morbidelli, coppia che non va?

"Portimao bello, ma difficile"


Anche il Dottore è pronto a scendere in pista e sulla pista di Portimao ha detto: “È fantastico, è qualcosa di diverso da tutto il resto, ma è anche molto difficile. È una pista per cui serve molto tempo per impararla e ogni volta che si corre lì si può migliorare qualcosa". Valentino Rossi ripartirà dalle buone sensazioni trovate a Losail: "Nel  warm up del GP di Doha avevamo scoperto qualcosa di nuoov, il che significa che sono riuscito a mantenere un ritmo migliore, ma siamo stati ostacolati dalla brutta posizione di partenza. Speriamo di poter essere più forti in questo terzo GP, ma anche nelle prossime gare europee”.

MotoGP Portogallo: per KTM è l'ora del riscatto... e della vittoria