Non solo Jerez: Andrea Dovizioso, visto il test positivo fatto con Aprilia in questi giorni, ha deciso di concedersi un bis con la Casa di Noale. Nelle giornate dell'11 e 12 maggio, proverà l'RS-GP su un tracciato a lui molto familiare, quello del Mugello.

L'RS-GP è piaciuta a Dovizioso


Evidentemente per il Dovi, l'esperienza in sella all'Aprilia fatta a Jerez è stata molto positiva: “Una bella emozione risalire in sella ad una MotoGP” - ha detto a fine della tre giorni di test. Tre giornate di lavoro intenso nelle quali Andrea ha prima cercato l'adattamento ad una moto che non conosceva, e poi, progressivamente, ha potuto iniziare a fornire le prime indicazioni tecniche. Motore, elettronica, ciclistica, aerodinamica, fornendo indicazioni preziose e indirizzando modifiche al pacchetto base.

Detto questo, Dovizioso, non è andato a cercare la prestazione a livello cronometrico, in quanto non era l'obiettivo principale di queste prove. Di sicuro, però, la RS-GP è piaciuta molto al pilota di Forlì che ha deciso di fissare un altro test con la Casa di Noale, che si disputerà l'11 e 12 maggio al Mugello.

I commenti dopo la tre giorni di test


“Voglio ringraziare Aprilia Racing - ha commentato Dovizioso -. Sono stati tre giorni interessanti e dedicati in gran parte a trovare la posizione migliore sulla moto. Assieme abbiamo deciso di fare un altro test al Mugello tra circa un mese e nel frattempo lavorare su alcuni aspetti della moto”.

A parlare è stato anche il direttore tecnico Aprilia Racing Romano Albesiano: “Sono stati tre giorni molto interessanti - ha detto - anche per il piacere e l’interesse di condividere la visione che Andrea ci ha dato della MotoGP. La sua esperienza ci ha rivelato un metodo lucido e analitico nell’affrontare la messa a punto della moto. Abbiamo avuto con lui un confronto sincero che abbiamo apprezzato. Spero che sia stato lo stesso anche per lui”.

MotoGP Portogallo: KTM, Yamaha e Honda a caccia di Zarco