Alla vigilia del terzo Gran Premio stagionale, Franco Morbidelli è pronto a tornare nelle posizioni di vertice in sella alla Yamaha M1 del team Petronas. L'italo-brasiliano è infatti reduce da due fine settimana estremamente difficili in Qatar, che non gli hanno però fatto perdere la giusta motivazione in vista della gara sull'ottovolante portoghese di Portimao, dove nel 2020 ha concluso sul podio.

“A Portimao ripartiremo da un foglio bianco”, spiega il numero 21. “Le due gare di Losail sono state molto complicate e non abbiamo ottenuto i risultati sperati, perciò sono felice di correre su una pista come Portimao, dove alla fine dello scorso anno siamo stati davvero competitivi.

“La base della moto sarà più o meno la stessa degli scorsi weekend, ma qua in Portogallo dovrebbe funzionare meglio. La mia motivazione è rimasta invariata anche dopo aver visto le grandi prestazioni dei piloti ufficiali Yamaha, che anzi mi hanno stimolato a spingere ancora di più per ottenere una miglior condizione ed una maggior considerazione da parte della Casa madre”, prosegue il numero 21.

MotoGP Portogallo: Marc Marquez ha passato l’ultima visita medica

"Felice delle contromisure prese da Yamaha"


A proposito dei problemi accusati in Qatar, comunque, “Morbido” rassicura: Da parte di Yamaha ho ricevuto tutte le risposte ai miei quesiti sia dopo gli scorsi Gran Premi, sia una volta arrivati qui. Sono felice delle contromisure prese, perchè mi hanno confermato che stanno lavorando duramente anche per me”.

“Da parte mia, posso dire soltanto che in questa settimana e mezza a casa mi sono allenato duramente sia dal punto di vista mentale, sia da quello fisico e punterò a fare il meglio possibile con ciò che avrò a disposizione”, conclude il vicecampione del mondo.

MotoGP Portogallo, Bastianini: “Le qualifiche, il mio tallone d'Achille”