Dopo aver sofferto più del previsto nei primi due Gran Premi della stagione in Qatar, per Valentino Rossi e il team Petronas è arrivato il momento di ripartire da zero dalla prima gara europea, che si disputerà sui saliscendi dell'Autodromo Internacional do Algarve di Portimao.

Il 46 si è detto entusiasta di tornare a correre sulla pista portoghese: Tornare a gareggiare in Europa è sempre bello, perchè è tutto un po' più semplice. Portimao è un circuito fantastico, molto difficile ma altrettanto affascinante e unico nel suo genere, con tanti cambi di pendenza che lo rendono davvero divertente”.

L'inizio di stagione è stato difficile e non siamo mai stati nelle posizioni in cui ci aspettavamo, perciò dovremo lavorare molto questo weekend per farci trovare più competitivi. Sinceramente non so di preciso quale sia stato il problema, ma non credo che dipenda dal mio stile di guida, perchè tutti i piloti Yamaha guidano in modo diverso e anche Franco, purtroppo, ha accusato diversi problemi”, spiega il pilota di Tavullia.

MotoGP Portogallo, Morbidelli: “Non ho perso la mia motivazione”

“Marquez sarà competitivo fin da subito”


Pensando alla gara, secondo Valentino il favorito numero uno sarà il pilota di casa Miguel Oliveira: Lo scorso anno lui e la KTM sono andati fortissimo. Ha vinto la gara da dominatore e penso che anche quest'anno possa essere molto veloce, ma anche Miller e Morbidelli saranno pericolosi qui e non andranno sottovalutati”.

Anche sul ritorno di Marc Marquez, Rossi ha le idee chiare: “Probabilmente Marquez sarà competitivo fin da subito. Mi aspetto molto dal suo rientro, perchè ho visto che è in gran forma e, anche se non c'è la sicurezza sulla sua tenuta fisica, penso possa risultare veloce fin dalle prime sessioni del venerdì”.

MotoGP Portogallo, Martin commenta il rientro di Marc Marquez

“Penso che Francesca abbia ragione”


Infine, non è mancano un pensiero a proposito delle dichiarazioni della sua ragazza, Francesca Sofia Novello, a proposito dell'ambiente del motociclismo: “Mi è piaciuta la sua intervista, perchè stata molto diretta e penso abbia ragione. Lei ha parlato del paddock, ma credo che un discorso simile si possa fare su molti luoghi, come ad esempio le fiere, non solo nel mondo del motociclismo, ma in tutti gli ambienti di questo genere. Per fare un mestiere come quello dell'ombrellina, una ragazza deve essere davvero forte”.

MotoGP Portogallo, Bastianini: “Le qualifiche, il mio tallone d'Achille”