MotoGP Portogallo, Marquez dopo il rientro: “Non so come mi sveglierò”

MotoGP Portogallo, Marquez dopo il rientro: “Non so come mi sveglierò”

Il pilota Honda è rimasto stupito di essere riuscito a centrare il sesto miglior tempo ma la sua preoccupazione è rivolta a domani e al weekend in generale: “Ho stressato molto il braccio e il muscolo e non so cosa aspettarmi”

Il primo giorno di Mac Marquez, in pista dopo 255 giorni di assenza, è stato impressionante. Ha chiuso le FP1 con il terzo tempo e le FP2 con il sesto. Un risultato che è andato al di sopra delle aspettative dello spagnolo (almeno per il momento), tanto che ai giornalisti ha commentato: “Ho guardato la tabella dei tempi e ho detto: 'Ma che ci faccio io qui'?”.

Il sorriso del pilota Honda a quanto pare non si è spento, anzi si è riacceso e, subito dopo le FP2 ha parlato della sua prima giornata.

MotoGP Portogallo: in che posizione chiuderà Marc Marquez? VOTA IL SONDAGGIO

“Stamani ero più riposato, oggi già di meno”


“E' stata una bella giornata e ho sentito da subito di avere un buon feeling con la moto - ha commentato -. Questa mattina l'asfalto della pista non era di certo dei migliori, ma io mi sono sentito da subito bene sulla moto. Devo dire che questa mattina mi sono sentito meglio rispetto al pomeriggio perchè ero fresco. Nel senso che il mio braccio era riposato e mi sentito di avere più energia. Nel pomeriggio ho sentito il braccio più affaticato. In ogni caso posso dire che la situazione in cui mi sono trovato è stata migliore di quella che immaginavo prima dell'inizio del weekend. Voglio dire, non so come, non capisco il perchè però mi sono sentito bene sulla moto. Nonostante nel secondo turno abbia fatto più fatica, il tempo è arrivato lo stesso. Non era la cosa più importante ma è arrivato nel migliore dei modi”.

MotoGP Portogallo: Bagnaia fa sue le FP2, per Rossi ancora problemi

“Oggi è andata bene, ma domani?”


Il primo giorno si può dire quindi che per Marc sia andato ben oltre le aspettative. Del resto il campione spagnolo è riuscito a centrare la top ten e, nell'eventualità che domani piova, anche un posto in Q2. Marquez però si è detto preoccupato su un aspetto in particolare: “Adesso ci sarà da capire come il braccio reagirà durante tutto il weekend. - ha proseguito - Come sarà domani mattina? Ho stressato molto il braccio e il muscolo e non so cosa aspettarmi domani. Riuscirà ad essere performante? Avrò meno energia? Non è scontato che magari avrò bisogno di cambiare un po' il mio stile di guida. E' un qualcosa al quale dobbiamo prestare molta attenzione e quindi domani ci sarà da capire. La domanda è: Domani Marquez in che condizioni si sveglierà?

MotoGP Portogallo, Dottor Charte su Marquez: “Si sente forte”

“Il mio target? Non so quale sia”


 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Marc Ma?rquez (@marcmarquez93)

Detto questo, Marquez oggi non si è comunque risparmiato in pista e, nell'ultimo giro lanciato mentre la bandiera a scacchi stava sventolando, ha rischiato molto: “L'ultimo giro è stato pazzo - ha aggiunto -. Non mi è piaciuto, ma è il mio stile di guida”.

Ma dopo un rientro così, adesso l'obiettivo per il weekend è cambiato? “Non so quale sia il mio target - ha concluso - perchè non so come riuscirò a guidare la moto nei prossimi giorni. E' strano da spiegare ma sto riniziando a capire come guidare la moto, come essere concentrato, ma ancora non riesco a trovare il limite della moto, così come il set up. Al momento sto utilizzando la foto di Stefan Bradl e da domani cercheremo di modificare qualcosa, ma non so davvero quale potrebbe essere il mio obiettivo. Stamani mi sono sentito bene, oggi pomeriggio meno bene quindi arrivare in sesta posizione è stata una sorpresa. Nell'ultimo giro ho fatto diversi errori ma in ogni caso sono stato veloce. La velocità quindi c'è ma dovremo capire quali saranno le mie condizioni di salute”.

MotoGP Portogallo: chi vincerà la gara a Portimao? VOTA IL SONDAGGIO

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi