Cambia la pista, ma Fabio Quartararo resta nelle prime posizioni. Dopo la vittoria nella seconda gara del Qatar infatti il francese ha iniziato molto la tappa di Portimao, chiudendo il venerdì in seconda piazza, dietro solamente alla Ducati di Pecco Bagnaia.

“L’anno scorso le cose non sono andate bene su questa pista - apre Fabio - ma oggi è stato tutto diverso, il che mi rende molto felice. Sono molto soddisfatto del mio passo e delle sensazioni avute in sella, anche negli ultimi giri in cui ho fatto qualche errore: sento di avere ancora un po’ di margine, e spero che l’aderenza della pista migliori, dato che oggi non era sicuramente ottimale”.

Fabio può quindi sorridere pensando alla prestazione fornita da lui e dalla sua M1, che sembra aver compiuto importanti passi avanti rispetto alla versione 2020.

Non sento ancora le sensazioni della M1 2019, ma certamente c’è stato un passo avanti rispetto alla 2020. Questa pista è un primo importante banco di prova, e finora le risposte ottenute sono buone. Come detto spero che domani l’aderenza possa migliorare, dato che in questo modo riusciremmo a colmare quel gap di potenza che abbiamo con alcune moto, Ducati in primis”.

VOTA IL SONDAGGIO: chi vincerà la gara a Portimao?

“Sono contento per Marc”


Cambiando discorso, è impossibile per Quartararo non dire la sua circa il rientro di Marc Marquez, la cui prestazione è stato senza dubbio sorprendente.

“Sono contento per lui, si vede dal suo sorriso nel box che sta provando nuovamente quelle belle sensazioni che una MotoGP sa trasmettere. Vedendolo in pista sembra che abbia guidato fino a ieri: il suo stile non è cambiato ed è riuscito ad essere sempre più veloce, quindi è in forma”.

Meno brillanti invece i portacolori del team Petronas, che Fabio comunque si aspetta davanti, dove ora vi sono lui e (in parte) Oliveira.

“Sto pensando solo a me al momento, e voglio continuare a farlo, quindi non saprei. Franco non ha cambiato nulla dall’anno scorso quindi è strano, ma certamente domani troveremo sia lui che Valentino più avanti. Oliveira? E’ un eroe qui, e certamente sarà della partita per le prime posizioni”.

MotoGP Portogallo, Dottor Charte su Marquez: “Si sente forte”