Leggendo la classifica combinata di oggi ci si potrebbe aspettare un Franco Morbidelli su tutte (o quasi) le furie, vista la 19° piazza ottenuta, ma così non è. Il ragazzo nativo di Roma infatti sorridere raccontando la sua giornata, per delle ragioni molto precise.

“Non ho messo la gomma morbida a fine FP2 – spiega Morbidelli – ed il mio passo con le gomme medie è molto buono, quindi sono contento. Non sereno, ma contento. Sono quart’ultimo ma è normale non avendo messo la gomma nuova, anzi vista la circostanza sono felice di non essere ultimo”.

Non è mancato oggi il lavoro nel box del numero 21, tanto che Franco deve ancora fare il punto della situazione, con la consapevolezza però di aver ottenuto ottime risposte dalla sua M1.

“Ho provato tante cose oggi, quindi devo ancora capire alcune cose, ma l’importante è che il feeling sia migliorato costantemente da questa mattina, specie ripensando a quanto accaduto in Qatar. Qualcosa certamente è cambiato dall’anno scorso per quanto riguarda questa pista, ma non saprei dire cosa tra le gomme, la moto e la mia guida”.

“Marquez ha mostrato di che pasta è fatto”


Oltre alle buone sensazioni Morbidelli dovrà ottenere anche dei risultati domani, sfruttando al meglio il potenziale delle gomme nuove.

“Occorrerà capire se domani sarò veloce con la gomma nuova, ma spero che le sensazioni siano simili a quelle provate con le gomme usate. Per la gara la gomma corretta sembra essere la media, anche in base ai dati dell’anno passato, ma non ho ancora provato la morbida”.

L’ultima battuta è ovviamente per il rientrante Marc Marquez, che non sembra aver stupito Morbidelli, consapevole del grande valore dello spagnolo.

“Non l’ho visto guidare, ma la sua prestazione è stata impressionante. Ha fatto un grande lavoro sia sul passo che singolo giro, il che è notevole dopo una lunga sosta forzata: direi che ha mostrato chiaramente di che pasta è fatto, e che l’infortunio non lo ha scalfito”.

MotoGP Portogallo, Bagnaia commenta le prove: “Importante essere davanti”