Della prestazione odierna non può dirsi certamente soddisfatto Jack Miller, ma della forma fisica dopo l’intervento subito al braccio prima di Portimao lo è senza dubbio. La dodicesima posizione nel combinato delle libere mette in risalto la differenza di guida con il compagno di squadra Pecco Bagnaia, dal quale prende quasi 8 decimi.

Nel debrief media post libere, l’australiano spiega il suo stato di salute dopo la gara di Portimao e l’intervento per risolvere la sindrome compartimentale, che l'ha preceduta.

L’intervento era necessario perché non riuscivo a guidare come volevo - racconta Miller - ora il muscolo è più libero perché la membrana stringeva e adesso posso guidare come voglio. Mi sento molto bene”.

Miller: “Pecco riesce a far girare bene la moto e si sente a suo agio”


Se il gap da Bagnaia non è da attribuirsi allo stato di forma, cosa ha rallentato l'australiano? “Vedendo quello che ha fatto Pecco ed i miei tempi, siamo simili in tutti i settori - spiega Jack - ma io non riesco a guidare la moto come fa lui, a farla girare come lui. Pecco anche l’anno scorso è andato molto forte riuscendo a stare davanti. Ho perso tutto nell’ultimo settore, soprattutto le curve 11-12 ed anche in curva 2 non sono entrato con la velocità che volevo, soffrendo anche un po’ di sottosterzo”.

C'è del lavoro da fare per Jack, per riuscire a emulare il suo compagno di team. E se il lavoro riuscirà a dare i suoi frutti, le premesse per Ducati potrebbero essere rosee visto che la Desmosedici 2021 non è molto diversa da quella dello scorso anno, che sfiorò il podio con il piemontese.

La moto di quest’anno è molto simile a quella dell’anno scorso - spiega - è cambiato qualcosa qua e là ma è comunque simile alla 2020, solo un po’ più piacevole da guidare”.

Miller: “Sto facendo il possibile per far girare la ruota a mio favore”


Con due noni posti in Qatar e un ritiro, non è stato un avvio da sogno quello di Miller con il team ufficiale Ducati, ma l'australiano non demorde e si prepara per la risalita.

Chiaramente non sono soddisfatto di questo inizio di campionato, ma siamo appena alla quarta gara e c’è ancora tanto da fare - dice l’australiano parlando del momento difficile - sto facendo tutto il possibile per far girare la ruota a mio favore. La velocità c’è, c’è tutto ma devo riuscire a mettere insieme i pezzi. Sto facendo del mio meglio per tornare davanti”.

Guarda la MotoGP live su DAZN. Attiva Ora