Continua il momento positivo per Fabio Quartararo, che ha concluso al secondo posto la seconda sessione di libere disputate sul circuito di Jerez.

Il feeling con la M1 continua a crescere e le difficoltà del passato sembrano alle spalle.

"La moto ha fatto un bel passo avanti rispetto all’anno scorso, su alcuni circuiti faticavamo: quest'anno a Jerez ci stiamo confermando", ha spiegato il francese al termine della FP2. "Mi sento bene in sella, questo è importante" .

MotoGP Spagna, Morbidelli amareggiato: “Mi sento una mosca bianca”

Idee chiare 


Tuttavia, ci sono ancora degli aspetti da migliorare: "Abbiamo un ottimo passo, ma stiamo lottando con le gomme usate, il che è strano", ha ammesso El Diablo. 

Rispetto al 2020 la sua Yamaha accusa qualche problema di aderenza, forse dovuto alle condizioni non ottimali dell'asfalto andaluso. "L’anno scorso, quando le condizioni erano molto più calde, non ho avvertito nessun calo alla gomma posteriore. Oggi invece ho sentito mancanza di grip al mattino e al pomeriggio, quindi dobbiamo controllare cosa sta succedendo".

Il pilota factory di Iwata sa già su cosa intervenire: "Abbiamo già un’idea chiara di cosa provare domani e penso che funzionerà. Mi sento benissimo e ho una grande fiducia sulla moto”, ha concluso Quartararo.

Al numero 20 rimangono FP3 e FP4 per continuare il lavoro sul set-up della sua M1. 

MotoGP Spagna, Bagnaia svela il segreto Ducati: “Tanta serenità”