Il Gran Premio di Spagna a Jerez de la Frontera non ha sorriso al team ufficiale Yamaha e a Maverick Vinales, che si è dovuto accontentare del settimo posto sotto la bandiera a scacchi a quasi sei secondi di distacco dal vincitore Jack Miller, dopo essere partito dalla terza fila. 

"Ho avuto molti problemi in staccata nel corso della gara, non riuscivo ad essere incisivo e ad inserire bene la moto in curva. La situazione è migliorata soltanto negli ultimi giri, ma ormai era troppo tardi per provare a recuperare posizioni", ha detto lo spagnolo al termine della gara.

MotoGP Spagna, Morbidelli: “In alcune frenate non ero certo di fermarmi”

"Non so cosa sia cambiato dal Qatar"


Dopo due grandi gare nei primi GP della stagione in Qatar, Maverick non ha più ritrovato le stesse sensazioni sulla moto nè a Portimao, nè questo fine settimana a Jerez: "Non so cosa sia cambiato rispetto alle gare a Losail, ma in questi ultimi weekend non ho più ritrovato il giusto feeling per poter essere competitivo, specialmente nella fase della staccata. Dobbiamo capire come risolvere il problema al più presto, per poter lottare nuovamente per la vittoria".

"Nelle curve veloci in cui è importante la velocità di percorrenza sono competitivo, ma solo in quelle. Non so se stiamo utilizzando la gomma in modo sbagliato o è un problema di setup, ma la frenata sulla Yamaha è davvero complicata ed è difficile fermare la M1 nelle staccate più violente. Non sono soddisfatto, ma non potevo fare più di quello che ho fatto", conclude il numero 12.

MotoGP Spagna, Bagnaia leader del Mondiale: “Ho provato a vincere”