Fabio Quartararo e la pioggia, un binomio che per adesso non va. Il francese del Team Yamaha è stato fortunato che nel secondo turno di prove libere l'asfalto sia stato asciutto e questo gli ha permesso di stampare il secondo miglior tempo di giornata.

Sull'asciutto si, ma sul bagnato...


Sul bagnato mi manca ancora qualcosa - ha commentato ai microfoni di Sky sport MotoGP - sull'asciutto invece è andata bene. Già dal primo run sono stato sorpreso perchè, pur non essendo un time attack ho fatto 1:32.1 con benzina nel serbatoio e con gomme nuove. Dopo sono incappato in una caduta, ma poi per il time attack decisivo sventolava la bandiera gialla quindi ho rinunciato. In ogni caso l'importante è che sia nella top ten in modo da essere tranquillo per domani. Sono quindi contento di questa prima giornata”.

Con l'altro francese Johann Zarco, che oggi ha firmato il best lap di giornata, c'è quindi competizione ma anche un bel derby casalingo: “Non sento la pressione, è più una motivazione vedere i fan in circuito ad attenderci il mercoledì. Penso che per entrambi sia importante. Zarco si sente più a suo agio di me con pista bagnata ma vediamo in che condizioni saremo domani e domenica”.

Chi la spunterà tra Yamaha e Ducati?


Al momento, le Yamaha sono le moto che hanno vinto più gare, ma è anche vero che le Ducati stanno dimostrando di essere molto competitive. Cosa ne pensa al riguardo Quartararo? “Non so quale delle due moto vada meglio - ha concluso - non ho mai provato una Ducati! Da fuori sembra che entrambi stiamo andando molto bene, in alcuni punti la Yamaha è più veloce, in altri lo è la ducati. Ogni moto ha punti forti, quindi sarà difficile lottare con loro ma anche per loro lottare con noi”.

Calendario MotoGP 2021: fuori la Finlandia, raddoppia l’Austria