Prima fila a Le Mans per il vincitore del GP Spagna, Jack Miller, autore del terzo tempo nelle qualifiche francesi. Un risultato ottenuto dopo aver centrato l'accesso diretto alla Q2 già nelle prove libere del venerdì.

MotoGP Francia: cambiano gli orari di warm up e MotoE

Risultato importante


"La prima fila è importante, specie con queste condizioni. Partire senza gli schizzi delle altre moto in faccia è sempre positivo", ha spiegato il pilota australiano. "Pensavamo che le qualifiche sarebbero state completamente bagnate, invece sono state asciutte. Qui può accadere di tutto, dobbiamo farci trovare pronti a ogni evenienza".

Jack racconta la strategia adottata nel suo box per affrontare i minuti finali del turno: “Poco prima della Q2 era uscito il sole e abbiamo quindi deciso di mantenere una delle due moto in assetto da asciutto. Sono uscito prima con le gomme da bagnato, ma mi sono accorto subito che la pista era ormai quasi asciutta, perciò sono rientrato il più velocemente possibile per cambiare moto".

"Qui le condizioni sono davvero imprevedibili e bisogna cercare di sfruttare al meglio la situazione, e infatti, poco prima che riuscissi a fare il mio giro veloce, ha iniziato nuovamente a piovere. Partire dalla prima fila era davvero importante, visto che domani probabilmente pioverà. In ogni caso, siamo pronti per affrontare la gara in qualsiasi condizione meteo”.

Bagnaia nelle retrovie


Se il numero 43 può sorridere, non può fare lo stesso Francesco Bagnaia, autore di un 16esimo tempo che lo costringerà alla rimonta. "Credo sia una grande sfortuna per Pecco, siamo in squadra insieme e vorrei vedere il team ottenere il miglior risultato possibile", ha commentato Miller. "Lui ha dimostrato di essere veloce, ieri è stato sfortunato e non ha centrato la Q2. A ogni modo, sono convinto che recuperererà posizioni". Jack sa che l'occasione per recuperare punti nella classifica generale è ghiotta: "Noi dobbiamo cercare di fare il miglior risultato possibile".

MotoGP Francia, Rossi commenta le Qualifiche: “Correre così è pericoloso”