Jack Miller è raggiante dopo il successo ottenuto a Le Mans e ne ha tutte le ragioni: la sua gara sembrava compromessa dopo i due long lap penalty che ha dovuto scontare a causa dell'ingresso a velocità troppo elevata nella pit lane, ma successivamente l'australiano è stato bravo a recuperare il distacco da Fabio Quartararo.

GP Francia, Rossi: “Contatto con Pol Espargaro? Fortunati a non cadere”

Un risultato da sogno


"Mi sembra di sognare, non svegliatemi, sono troppo felice" racconta il ducatista al termine del GP. "Due vittorie consecutive sono un sogno che si avvera, essere di nuovo qui è bellissimo per me. Spero di poter replicare il risultato al Mugello, tra due settimane".

Non è stato facile agguantare questa vittoria, ma Jack è stato bravo a mantenere la calma e non commettere alcun errore. Un enorme passo avanti rispetto al passato, quando il numero 43 era molto più incline alle sbavature.

"Le condizioni sono state davvero complicate: prima sono finito nella ghiaia, poi ho dovuto scontare ben due penalità. La parola chiave è stata: reazione. Ho mantenuto la calma, quando ho superato Fabio c'era ancora molta da strada da fare. In passato non ci sarei riuscito" ammette Jack.

"La gara è stata davvero lunghissima e molto difficile anche mentalmente. Ho cercato di mantenere la concentrazione, continuando a ripetermi di stare calmo. In questo modo, sono riuscito a gestire bene le gomme e a conservarle fino alla fine, amministrando anche il vantaggio su Johann che si stava avvicinando molto. È stata davvero una vittoria fantastica”. 

Al Mugello per vincere


La Desmosedici sta dimostrando di essere una moto che può lottare per la vittoria praticamente su tutti i circuiti. Con queste premesse, il team di Borgo Panigale arriva molto carico all'appuntamento col GP Italia, autentico giardino di casa per la compagine bolognese.

"Farò del mio meglio" assicura Miller. "Non ci sarà il pubblico, ma cercherò di fare tutto il possibile per onorare la gara di casa della Ducati".

MotoGP Francia, Le Mans sorride a Petrucci: “Ho sperato nel podio”