Il Gran Premio d'Italia è sempre un momento magico per i piloti nostrani e lo è ancor di più per Valentino Rossi che al Mugello ha corso qualcosa come 27 gare in carriera. Per lui, però, potrebbe essere anche l'ultimo GP su questo tracciato ma Vale non ci vuole pensare: “Non bisogna pensare che sarà l'ultimo - ha detto - per me qui è la 27esima gara ed è grandioso vedere che provo la stessa passione come la prima volta. Voglio solo divertirmi”

Sulla velocità al Mugello


“Questo weekend - ha spiegato Dottor Rossi - sarà importante. Il Mugello è un luogo speciale per tutti gli appassionati di moto, è casa del GP d'Italia da 30 anni. Ieri è stato grandioso rivederlo, le colline, il paddock è davvero incredibile. A Le Mans siamo migliorati un po' ma le condizioni erano difficili, vedremo la mia velocità durante il weekend quale sarà”.

E a proposito di velocità, si è parlato a lungo sul fatto che alcune moto potrebbero battere il record di velocità di punta stabilità da Zarco in Qatar: “La velcità qui è impressionante - ha proseguito Vale - e penso che qui si possa andare anche più veloci che in Qatar. Il “salto” con frenata alla San Donato è il punto più imrpessionante di tutto il campionato. Non è semplice, ma bello”.

Ma tutta questa velocità può far venire meno la sicurezza del tracciato? “La cosa più importante è continuare a lavorare sulle vie di fuga delle piste in quanto le moto sono molto veloci. A Jerez come al Mugello ci sono punti un po' pericolosi, bisogna spingere al massimo per miglorare le vie di fuga”.

Orari TV MotoGP Italia: in diretta su Sky, DAZN e TV8 la gara al Mugello

Presto una decisione sul futuro


Altro argomento della conferenza è stato poi il futuro di Valentino, argomento che tiene sempre banco: “Da adesso in poi andremo ad affrontare un periodo importante per il campionato con 4 gare in 5 settimane. Ci sarà il Mugello, poi Barcellona e Assen e dopo, senza Finlandia ci sarà un mese di pausa. In quel periodo tutti cominceranno a pensare al 2022, pertanto prenderò lì la mia decisione, ma non sarà solo mia, perlerò con Petronas e Yamaha”.

Ma il fatto che il prossimo anno potrebbe tornare il pubblico al Mugello rappresenta un incentivo per continuare? “No, - ha spiegato Rossi - il pubblico non è un motivo per continuare, qui è speciale con i fan ma se voglio vedere i fan posso venire a vedere la gara. E' difficile continuare solo per questo motivo. Per l'anno prossimo, per quanto riguarda il Team VR46 stiamo parlando con Ducati e Yamaha e penso che tra una settimana o 10 giorni ci saranno notizie”.

MotoGP Italia, Marquez: “Dopo Jerez pensavo di dovermi fermare”