Non è stato l'inizio di weekend che Valentino Rossi si aspettava alla vigilia, quello vissuto sul tracciato toscano del Mugello in sella alla Yamaha M1. Il pilota di Tavullia ha infatti faticato per tutta la giornata, chiudendo addirittura con il ventunesimo tempo nella classifica combinata delle libere del venerdì, davanti al solo Iker Lecuona.

Non è stata una buona giornata per noi. Fatico soprattutto in fase di frenata e non riesco ad essere particolarmente veloce. Il setting di partenza è quello utilizzato anche a Le Mans, ma è chiaro che occorrano diverse modifiche per migliorare il nostro rendimento”, spiega il 46 al termine della giornata.

I test di Jerez erano stati positivi e mi avevano reso nuovamente ottimista. Anche a Le Mans non siamo andati male, specialmente in prova, perciò qui siamo partiti con la stessa base ma evidentemente qualcosa ancora non funziona come dovrebbe”, prosegue il portacolori del team Petronas.

MotoGP Italia, Bagnaia: “Ho fatto il mio miglior giro di sempre al Mugello”

"Faccio fatica a fermare la moto"


Anche la scelta di effettuare il secondo turno con le gomme dure non si è rivelata giusta: “Ho provato a girare con le hard e ho fatto molta fatica, ma ho visto che tutti quelli che le hanno provate non sono riusciti a essere particolarmente veloci. Purtroppo, comunque, la classifica è veritiera e al momento siamo indietro”.

Un grosso problema che ho riscontrato riguarda la prima parte di frenata, dove faccio fatica a fermare la moto e, infatti, sono arrivato lungo più di una volta alla staccata della San Donato. Dobbiamo lavorare sul bilanciamento durante questa fase della guida, perchè così non siamo incisivi. Però ho provato il nuovo abbassatore all'anteriore della Yamaha e posso dire che mi è piaciuto”, conclude Valentino.

MotoGP Italia: chi vincerà la gara al Mugello? - SONDAGGIO