Il venerdì del Gran Premio d'Italia al Mugello si è concluso con un ottimo terzo posto per Franco Morbidelli nella classifica combinata delle prove libere, migliore dei piloti Yamaha nonostante una velocità massima inferiore rispetto alla concorrenza e una moto meno evoluta.

Ho iniziato bene questo weekend di casa. Mi sono sentito a mio agio a guidare tra le curve del Mugello, che sono sempre emozionanti. Dobbiamo lavorare ancora per migliorare le nostre prestazioni perchè sulla velocità massima siamo davvero indietro rispetto agli altri, ma sono contento per questa giornata”, racconta Franco alla fine del venerdì.

Non è stato facile riuscire a fare un giro pulito senza trovare traffico, perchè tanti piloti rallentavano per trovare un traino, come accade spesso nelle classi minori. E' normale al Mugello, perchè è una pista in cui la scia e i riferimento contano anche in MotoGP, ma ha reso più complicato lo svolgimento di un intero giro senza problemi”, prosegue il pilota del team Petronas.

MotoGP Italia, Valentino Rossi: “Qualcosa non funziona come dovrebbe”

"Non sarà facile stare davanti in gara"


Anche sui long run il numero 21 è parso competitivo, specialmente su gomme medie: “Sembra che la gomma migliore per questa pista sia la media, con cui mi sono trovato molto bene. Non abbiamo provato la dura, perciò non sappiamo ancora quale sia la scelta per la gara, ma abbiamo ancora il sabato per pensarci”.

Tutto sommato, comunque, in pista ho un buon feeling e, nonostante la velocità massima molto bassa, riesco a compensare in curva e nel resto del circuito. Pensando alla gara, so che non sarà facile ottenere un grande risultato, specialmente in caso di arrivo in volata, visto che avremmo ben poche chance di restare davanti”, conclude ben consapevole dei propri limiti tecnici.

MotoGP Italia, Bagnaia: “Ho fatto il mio miglior giro di sempre al Mugello”