Prima di tornare a casa e riposarsi, dopo aver svolto due Gran Premi consecutivi (ecco qui la classifica di campionato), i piloti della MotoGP sono nuovamente scesi in pista alla guida delle loro moto al Montmelò per una utile giornata di test.

A metà giornata la classifica vede Joan Mir nella posizione di testa con il miglior crono di 1’39.816 seguito da Johann Zarco, secondo ieri nel GP e ora anche in campionato.

La Casa di Hamamatsu al comando


Il pilota della Suzuki, che sta lavorando affiancato dal collaudatore Sylvain Guintoli, sta provando alcune configurazioni di set up e di elettronica sulla sua GSX-RR per migliorare il feeling e tornare al più presto sul podio. Assente ovviamente Alex Rins, che dopo essere operato al polso destro, rotto giovedì in un allenamento in bicicletta, tornerà in pista al Sachsenring. Zarco si è fermato dopo aver messo a segno 51 giri a 163 millesimi di ritardo e Franco Morbidelli, primo italiano e primo pilota Yamaha, è terzo a 43 millesimi dal francese.

Honda e Yamaha a testa bassa


C’è grande lavoro in casa Honda, con Marc Marquez alle prese con le nuove parti di aerodinamica già provate dal compagno di squadra Pol Espargarò. L’otto volte iridato è per il momento nono in classifica, con 39 giri completati, preceduto dai compagni di marca Takaaki Nakagami quarto e Espargarò quinto. Seguono poi i due piloti ufficiali Yamaha, Fabio Quartararo e Maverick Vinales, con quest’ultimo a poco più di quattro decimi dal primo, mentre Valentino Rossi è dodicesimo e già ieri aveva anticipato che Yamaha avrebbe portato qualcosa di nuovo da provare.

La situazione in Ducati e KTM


Ottavo per il momento Jack Miller, seguito da Francesco Bagnaia decimo che ha effettuato 40 giri con la Desmosedici GP. Il piemontese è a poco meno di sei decimi dal primo, seguito dalla prima KTM di Brad Binder. Tredicesimo il vincitore di ieri Miguel Oliveira, mentre è diciannovesimo Danilo Petrucci impegnato con il nuovo telaio della casa austriaca.

Moto3 e tute aperte: servono mani ferme (e veloci)