MotoGP, Marc Marquez: “Sono distrutto, ma avevo bisogno di questi test”

MotoGP, Marc Marquez: “Sono distrutto, ma avevo bisogno di questi test”© Milagro

La giornata di prove successiva al weekdnd di gara sul tracciato del Montmelò si è conclusa dopo ben 87 giri per il pilota Honda. "Era importante passare del tempo sulla moto. Abbiamo lavorato sull'aerodinamica"

La giornata di test successiva al Gran Premio di Catalogna è stata fondamentale per Marc Marquez ed il team HRC. Se, da una parte, lo spagnolo ha potuto effettuare ben 87 giri potendosi così dedicare a riacquisire la giusta confidenza in sella, Honda ha invece avuto la possibilità di effettuare alcune prove di nuove componenti per la RC213-V.

Marc si è detto soddisfatto della giornata di test, seppur fisicamente a pezzi: "Sono davvero distrutto, ma avevo bisogno di una giornata come questa per tornare a guidare come so fare su questa moto. L'obiettivo era quello di fare tanti giri e così è stato, anche se a fine giornata ho preferito non spingere per non sforzare troppo il braccio. Adesso per fortuna c'è un po' di pausa prima della prossima gara, a cui arriverò in condizioni fisiche migliori".

MotoGP, i 5 temi clou del Gran Premio di Catalogna

"Abbiamo lavorato molto sull'aerodinamica"


Sulla moto sono state effettuate diverse prove, soprattutto a livello aerodinamico: "Abbiamo lavorato molto sull'aerodinamica nel corso della giornata, perchè abbiamo la possibilità di omologare una nuova carena. Non si tratta di grandi differenze, ma di dettagli che possono aiutarci nei circuiti più veloci. Nei prossimi test a Misano proseguiremo in questa direzione".

"Per quel che riguarda la moto laboratorio, invece, non posso dire niente. Il motore è lo stesso, ma cambia il bilanciamento. La moto era tutta nera, è vero, ma non era completamente nuova", conclude l'otto volte campione del mondo.

Moto3 e tute aperte: servono mani ferme (e veloci)

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi