Nel Gran Premio di Catalogna Fabio Quartararo ha disputato gli ultimi giri con un inconveniente tecnico molto particolare, ovvero la tuta slacciata (qui il commento di Alpinestars), motivo per cui è stato penalizzato con 3 secondi. Oltre quelli già ottenuti per aver tagliato le curve 1 e 2. Il francese è così stato retrocesso, ma neanche 24 ore dopo aveva già sdrammatizzato quanto accaduto, sia sui social che ai microfoni di Sky Sport.

Non sono arrabbiato, alla fine ieri ridevo… Ho finito la gara terzo ma poi per le penalità sono sceso 4° in classifica, poi dopo tre ore 6°, mi son detto 'magari domani sono 25°'...Abbiamo perso abbastanza punti ma ormai è tutto passato, dobbiamo riderci sopra. Sono ancora più carico per il prossimo GP, ha dichiarato El Diablo.

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Fabio Quartararo (@fabioquartararo20)

Simulazione chiusura tuta


Intanto prima di cominciare i box ha mimato scherzosamente una chiusura della tuta e ha poi spiegato seriamente: “Questa mattina abbiamo provato un nuovo sistema con Alpinestars, c'erano tante cose da fare, per questo in senso ironico ho fatto quel gesto. È un sistema diverso, dobbiamo valutarlo bene, dobbiamo essere sicuri di quello che dobbiamo fare. Una novità importante per la sicurezza, sua e di tutti gli altri piloti.

Risponde a Stoner


Intanto sui social la sera della domenica aveva scritto che si complimentava con le persone che erano andate a chiedere una penalità nei suoi confronti. Quanto scritto l’ha poi così commentato: Le persone parlano tanto, non voglio fare nomi in particolare, ma questo non mi fa arrabbiare, mi fa ridere. Per questo ho scritto il post, non ero arrabbiato”.

Infine, ecco la stoccata a Casey Stoner. L’australiano attraverso i social aveva subito scritto che andava punito con la bandiera nera, e il francese ha commentato: “Lui è a casa e gli piace pescare. Se fosse successo a lui dieci anni fa non avrebbe detto nulla. Non voglio fare commenti su qualcuno in particolare...ma questo weekend ho visto come sono fatte veramente certe persone”.

MotoGP Catalogna: solo la sfortuna può fermare Quartararo?