Valentino Rossi e il ritiro: un argomento “bollente” e sul quale se ne parla sempre molto, ormai da qualche anno. E' di ieri la notizia secondo cui il Dottore potrebbe non arrivare neppure a fine a stagione, ma concludere a metà questo 2021. Insinuazioni che, dalla Spagna, sono arrivate anche in Italia e nello specifico alle orecchie di papà Graziano e di mamma Stefania che in un'intervista a Il Resto del Carlino hanno fatto sentire tutto il loro disappunto.

“Vale non lascia le cose a metà”


Vero, non vero, non c'è dubbio che sul ritiro di Valentino Rossi, che a febbraio ha spento 42 candeline, se ne parla e se ne è sempre parlato molto. Un idolo come Dottor Rossi è sempre stato sulla bocca di tutti, motociclisticamente parlando e non solo. Ma ecco che l'indiscrezione riportata da un giornale spagnolo lo vedrebbe ritirarsi ancor prima della fine della stagione, per l'esattezza dopo il GP di Assen di fine giugno.

Vale, dal suo canto, ha più volte detto che penserà al suo futuro durante la pausa estiva e quindi nel mese di luglio. Non ha mai mostrato però la possibilità di ritirarsi prima della fine della stagione. A parlare di questo, smontando quindi la tesi del giornale spagnolo, sono stati mamma Stefania e papà Graziano: “Pensate davvero che Valentino Rossi sia uno che lascia le sue cose a metà? - ha detto la mamma di Vale - E' giustamente arrabbiato ma non avvilito”. Ad avvalorare la sua tesi anche il fatto che, durante i test di Barcellona, Rossi abbia portato a termine un gran lavoro sulla M1 macinando giri su giri con l'intento di migliorare e non di certo di mollare.

“E' un uomo di parola”


A rincarare la dose contro le malelingue, anche papà Graziano: ”Valentino è un uomo di parola - ha spiegato - a metà stagione ha detto che deciderà del suo futuro, ma per quanto riguarda il 2022, non di certo per questa stagione”.

Come sempre, nonostante le tante voci che girano, sembra proprio che dovremmo aspettare per capire Rossi cosa deciderà di fare in futuro: ciò che ha dimostrato fino ad oggi in questo 2021, è che nonostante i risultati non siano stati belli, il pilota di Tavullia ha sempre continuato a lottare. E di certo è quello che farà fino al momento in cui deciderà di appendere il casco al chiodo.

Moto3, Pedro Acosta esclusivo: “I miei idoli? Stoner e Schwantz”