Nella carriera di Marc Marquez è inevitabile ormai dire che c’è un prima e un dopo e l’evento spartiacque è l’infortunio rimediato al braccio destro, il luglio scorso, a Jerez. La rottura dell’omero e la successiva gestione medica gli hanno fatto perdere un’intera stagione, quella del 2020, e in questa in corso è rientrato alla terza gara stagionale e sta continuando a faticare. Ma il Gran Premio di Germania potrebbe dargli la possibilità di mettersi di nuovo in mostra (ecco gli orari tv).

Aria di casa


Finora il suo miglior risultato è il settimo posto (a Portimao) e oggi arriva da tre zeri consecutivi. Insomma, è evidente che in pista non stiamo vedendo più il Marc Marquez che conosciamo, quello che ha vinto, più o meno a mani basse, sei titoli di MotoGP in sette anni.

Questo fine settimana però c'è uno dei suoi Gran Premi preferiti, su una pista per lui più che speciale. Stiamo parlando del Sachsenring, dove il pilota Honda è imbattuto finora in MotoGP avendo vinto tutti i sei GP disputati nella top class. Ma non solo, perché qui aveva vinto anche nei due anni di Moto2 e il terzo anno di 125.

Buone notizie per Marquez


Il Sachsenring non ha segreti per lui e inoltre ha una maggioranza di curve a sinistra (10 rispetto alle 3 a destra) e questo è un fattore a Marquez favorevole, per le sue condizioni fisiche. Inoltre il 28enne torna in pista dopo aver svolto un'intesa e produttiva giornata di test a Barcellona, dopo il GP, in cui ha potuto svolgere un grande lavoro alla guida della Honda RC213V.

L'insieme di tutte queste cose potrebbe riportarlo a stare davanti, e se dopo il GP di Catalogna aveva detto di essersi sentito, per qualche giro, il "solito Marc", chissà che in Germania riesca a concretizzare queste buone sensazioni in un risultato degno del suo immenso talento.

MotoGP, Dovizioso su Rossi: "Ritirarsi non è necessariamente negativo"