Franco Morbidelli, vice campione del mondo 2020 e pilota più “bistrattato” nel 2021. L'alfiere Yamaha Petronas, è tornato in sella in questa stagione con i migliori propositi, visti i bellissimi risultati dello scorso anno, ma dalla sua non ha di certo una moto che lo aiuti. Se tutti i piloti che orbitano in Yamaha, tra ufficiale e non, possono contare su un'M1 versione 2021, per il pilota italo brasiliano c'è una Yamaha 2019, con qualche nuovo accorgimento. La realtà, non è quindi facile, ma “Morbido” non è disposto a cedere.

Lo shock del Qatar


“Il 2020 mi aveva dato una bella iniezione di energia e voglia di credere in me stesso - ha esordito Franco in un'intervista a MotoGP.com - ma adesso non so proprio cosa aspettarmi. Speravo che le cose sarebbero rimaste simili al 2020, ma adesso non lo so più”. Ecco che Morbidelli è entrato più nei particolari: “La gara in Qatar è stata uno shock per me - ha proseguito - abbiamo subito un duro colpo. Qui ho capito che gli altri avevano fatto un grande passo avanti, ma per noi non era così”.

Un inizio di stagione difficile, quindi, in cui il pilota Petronas ha conquistato un 18esimo e un 12esimo posto nella doppia in Qatar, per poi arrivare in quarta piazza in Portogallo. A Jerez, è arrivato anche il podio: un terzo posto. La felicità del Morbido, però, è andata presto a spegnersi.

MotoGP, Chicho Lorenzo: “Brutto gesto protestare contro Quartararo”

Tutto va ad inficiare lo stile di guida


Prima il 16esimo posto in Francia, poi lo stesso risultato al Mugello, quello che Franco ha definito come il GP più difficile disputato fino ad oggi in questo 2021: “E' stata la gara più difficile dell'anno - ha detto -. E' difficile lottare con i tuoi rivali quando perdi così tanta velocità in rettilineo. In termini di potenza, sul rettilineo, c'è una differenza davvero grande. E ciò non accade soltanto con le moto delle altre marche, ma anche con le stesse Yamaha. Il problema non è legato soltanto alla velocità nel rettilineo, ma si ripercuote sul mio stile di guida. Per dover arrivare a spingere troppo, non guido in modo pulito come invece potrei fare. E' un po' un circolo vizioso e la sfida non è solo quella con i miei avversari ma anche con me stesso”.

Morbidelli chiama Yamaha, Yamaha rispondi!


Durante l'intervista, l'italo brasialiano ha lasciato anche un commento sul suo compagno di team Valentino Rossi: “Ha una forza incredibile - ha spiegato -. Anche nei momenti difficili riesce a trovare il lato positivo per reagire alle avversità. Per me è un grande esempio, posso imparare tanto da lui”.

Infine, Morbidelli ha lanciato un segnale a Yamaha: “Mi piacerebbe restare in Yamaha e provare la nuova moto. Vedere come mi trovo e come la sento. Vorrei salire sulla stessa barca degli altri piloti”.

Orari TV MotoGP Germania: gara in diretta su SKY, DAZN e TV8