Si è conclusa con la 15° posizione la giornata di Enea Bastianini, salito agli onori della cronaca per l’acceso diverbio avuto in Q1 con Danilo Petrucci. Il ternano infatti non ha gradito (nel corso di un giro lanciato) la presenza del romagnolo sul suo cammino, e non ha risparmiato gesti tutt’altro che amichevoli

“Stavo facendo un giro veloce ma alla curva 10 ho perso il controllo della moto - racconta Enea - così ho lasciato sfilare Binder e Lecuona e mi sono accodato, infastidendo evidentemente Petrucci all’uscita della 11. Mi dispiace, ma può certamente stare più calmo, dato che il tempo per riprovarci non mancava, ed anche in Q2 abbiamo visto episodi del genere”.

Enea si ricollega a quest’ultimo pensiero e sottolinea come la situazione legata al traffico non sia del tutto chiara nemmeno nella classe regina.

“Probabilmente anche in MotoGP occorrerebbe fare qualcosa per evitare problemi di questo tipo. Oggi ho vestito i panni del pilota in cerca di un riferimento, ma d’altronde è normale farlo quando non si è davvero nelle migliori condizioni”.

Bastianini: “Domani vorrei seguire Mir e Morbidelli”


Archiviato il capitolo traffico, il romagnolo racconta le sensazioni avvertite nell’arco della giornata, e le conseguenti scoperte.

“Sono contento delle mie qualifiche e del miglioramento compiuto, ma al contempo non sono soddisfatto del lavoro svolto in FP3, dove non ho lavorato come avrei voluto. In qualifica ho scoperto il potenziale della gomma dura all’anteriore, il che potrebbe essere molto utile anche in ottica futura: all’inizio della sessione avevo scelto la morbida, ma con la dura ho rapidamente migliorato il mio crono”.

L’ultima battuta è infine dedicata a domani, quando in griglia Enea precederà un trio di un certo spessore formato da Rossi, Mir e Morbidelli.

“Domani sarebbe utile seguirli, specie Morbidelli e Mir, dato che probabilmente risaliranno la classifica, per riuscire a recuperare qualche posizione. A parte ciò sono tre piloti che hanno scritto importanti pagine di storia della MotoGP, soprattutto uno. Le gomme? Al posteriore monterò la media, mentre davanti ancora ho qualche dubbio, dato che tutte e tre le mescole hanno pregi e difetti”.

MotoGP, Qualifiche Sachsenring: i commenti a caldo dei piloti