È ormai nota la notizia dell’ingresso in MotoGP del team VR46 a partire dalla stagione 2022: annunciata la partnership con Ducati nelle vesti di team satellite, restano da chiarire alcuni aspetti, tra cui l’accordo col marchio petrolifero Aramco.

Una sponsorizzazione smentita, nuovamente, nelle ultime ore attraverso un comunicato arrivato dalla Gran Bretagna per mano del Brunswick Group, in cui Aramco conferma di non aver firmato un accordo strategico con il team VR46 come con qualsiasi altro affiliato della MotoGP. Aramco non ha mai avuto una relazione commerciale con Tanal Entertainment, MotoGP o un team.

MotoGP: Maverick Vinales verso l'Aprilia nel 2022?

L'intervento del Principe


Nelle ultime ore, è intervenuto direttamente il Principe Abdulaziz bin Abdullah Al Saud, capo della holding Tanal Entertainment Sport & Media, al fine di fare chiarezza sulla questione. “Sua altezza reale conferma che, come già annunciato nel comunicato VR46 del 24 giugno 2021, Tanal Entertainment Sport & Media annuncerà nei prossimi giorni una collaborazione relativa al motorsport internazionale con annessi dettagli del progetto con VR46 nel campionato del mondo MotoGP", si legge in una nota.

Bisognerà attendere qualche giorno, quindi, per chiarire gli aspetti di un’operazione che ha evidenziato più di qualche lacuna a livello comunicativo.

MotoGP Olanda, furia Miller contro gli "idioti" che aspettano la scia