Se avesse vinto il Gran Premio MotoGP di Olanda, Maverick Vinales sarebbe passato in soli sette giorni dalle stalle alle stelle. Arrivando lui secondo, noi potremmo dire che il catalano del team Monster Energy Yamaha dovrebbe essere soddisfatto ma, prima di farlo, ascoltiamo le sue dichiarazioni post gara: "Sì, diciamo che sono contento - le parole del numero 12 - soprattutto della seconda parte della contesa. Il mio è un buon risultato, perché ho lottato con Bagnaia e Nakagami, superandoli ed impostando poi un bel ritmo".

In effetti, male non è il secondo posto di Vinny e lui stesso precisa il motivo: "Arrivavo da corse in cui sono finito sempre arretrato - spiega - invece qui ho potuto spingere come volevo. Avremmo potuto lavorare di più in questo weekend, ma per paura di sbagliare assetto, non l'abbiamo fatto. Sicché, siamo rimasti come nell'inizio del weekend".

Tre giri fatali e frecciatina finale

Maverick ha espresso un passo micidiale, da vittoria, se vengono analizzate le prestazioni cronologiche. Ecco la conferma: "Vedevo Fabio lì davanti a me - racconta - ho siglato 1'32'9 a fine gara e potevo prenderlo. Mi sono mancati tre giri, altrimenti ce l'avrei fatta".

Scegliere il set up della M1 ufficiale si è rivelata cosa complicata per il pilota e per il team anche: "Avevamo paura - ammette - infatti, la soluzione di gomma morbida all'anteriore è stata compiuta per non poter curvare meglio. Nella lotta con Nakagami ho cotto un po' gli pneumatici, poi ho dovuto considerare questo aspetto".

L'infelice partenza ha evaporato in un istante la pole centrata ieri. Problemi di stacco della frizione o contatto con Quartararo determinante? Entrambe le ipotesi: "Tutte e due - Mav entra nel dettaglio - incrociandomi con Fabio, però, ho perso più posizioni di quanto il brutto stacco della frizione mi abbia limitato".

Queste sono le gare, ammette il catalano, e tornare sul podio è sempre bello. Sino a qui, Vinales sembrava contento, però è arrivata la stoccata conclusiva: "Quello che posso dire è che mi trovo molto lontano dal mio potenziale - la dichiarazione, arrivata a seguito dell'allusione inerente al contatto con Aprilia - e con questa frase, potete capire tutto". Noi capiamo che la possibilità di vederlo sulla RS-GP veneta sembra una ipotesi concretizzabile.

gara

Raul Fernandez sbaglia, ma poi vince la Moto2 di Assen