Il Gran Premio d'Olanda ad Assen si è concluso con una buona terza posizione per il campione del mondo in carica Joan Mir, tornato nelle posizioni di vertice con la Suzuki GSX-RR dopo un weekend difficile in Germania. Un terzo gradino del podio che sa di vittoria per il numero 36.

"Su questa pista abbiamo visto fin dal venerdì che le Yamaha ufficiali sarebbero state imprendibili, perciò questo terzo posto mi soddisfa al massimo perchè so che non avrei potuto fare di meglio; avevamo bisogno di questo risultato sia io che la squadra, che come sempre ha lavorato davvero bene", racconta lo spagnolo a fine gara.

MotoGP Olanda, Quartararo sulla vittoria: “So sempre cosa voglio fare”

"Cercheremo di recuperare nella seconda parte di stagione"


Il maiorchino entra nella pausa estiva con il sorriso: "In Suzuki hanno lavorato tutti duramente e sia io che Alex questo weekend siamo stati veloci. Con un risultato del genere possiamo entrare nella pausa estiva con il morale alto e cercheremo poi di recuperare il gap in classifica nella seconda parte della stagione".

"Arriverà qualche aggiornamento alla moto dopo la pausa, ma al momento il nostro punto debole continua ad essere la qualifica e sappiamo di dover migliorare sul giro secco, che è l'unico vero problema. Probabilmente il potenziale c'è, ma io fatico molto a trovarlo e sono costretto a recuperare in gara partendo indietro. Se risolvessimo questo problema, potremmo lottare per il podio in ogni weekend", conclude Joan.

MotoGP: in arrivo chiarimenti sull'accordo VR46-Aramco