Il malumore di Maverick Viñales in Yamaha è sempre più evidente, lo spagnolo, secondo nel GP di Assen, non è contento del potenziale che sta esprimendo, tanto da sembrare ai ferri corti con i vertici di Iwata. Secondo Ricard Jovè, telecronista di DAZN Spagna, la trattativa con Aprilia potrebbe effettivamente andare in porto; questo colpo di scena potrebbe essere un nuovo inizio per la casa di Noale, e proprio Aleix Espargaró esprime, a Sky Sport MotoGP, la sua opinione sul potenziale accordo.

Viñales ed Espargaró compagni nel 2022?


L’idea sembra stia prendendo sostanza, se così fosse, i due piloti spagnoli si ritroverebbero in squadra insieme dopo l’esperienza in Suzuki del biennio 2015\2016: Il talento di Maverick è molto alto, lo dico non come suo ottimo amico ma come suo ex compagno di squadra, ho lavorato benissimo con lui per migliorare la moto, analizzando insieme i dati della telemetria. Maverick è fortissimo, non so cosa sia vero o meno del passaggio in Aprilia, ma sarebbe una squadra da sogno”.

L’innesto di Viñales potrebbe rimodulare le gerarchie all’interno della casa italiana, ma come ammesso dallo stesso Espargaró, questo binomio potrebbe portare migliorie di sviluppo ad una moto già in netta crescita nelle ultime gare. Lo spagnolo, da 5 stagioni alla guida della moto di Noale, è stato fondamentale in questo processo di evoluzione, che sta ulteriormente progredendo in quest'annata in cui ha sfiorato la top five in due occasioni e si è portato in prima fila nelle qualifiche del Sachsenring.

Valentino Rossi commenta la caduta nel GP di Assen