La MotoGP in pausa per le vacanze estive appare come una scacchiera: in ballo tante pedine pronte a fare la loro mossa. L'annuncio che Maverick Vinales lascerà Yamaha Factory a fine stagione, ha infatti innescato un effetto domino con caselle rimaste scoperte e altre che invece hanno già trovato una loro collocazione. Sembrerebbe il caso del pilota Petronas, Franco Morbidelli.

Acque agitate nella master class


La domenica dopo la gara di Assen ha segnato un passo decisivo nel mercato piloti, fin troppo quieto in questo 2021 almeno fino a pochi giorni fa. Maverick Vinales si è detto scontento di come stanno andando le cose con la squadra di Iwata, tanto da decidere di rescindere il contratto a fine stagione. Dove andrà il prossimo anno ancora non è dato saperlo anche se Aprilia sembrerebbe uno dei nomi in ballo. Ma chi prenderà la sua sella al team ufficiale Yamaha? In Giappone si devono essere guardati un po' intorno, devono aver fatto due conti e capito che non dovevano andare a cercare troppo lontanto. Dalle ultime indiscrezioni riportate dal giornale tedesco Speedweek, sembra infatti che il prescelto sia proprio Franco Morbidelli. Ormai da anni in orbita Yamaha Petronas e non dimentichiamo vice campione del mondo 2020.

Morbidelli l'uomo giusto per Yamaha Factory


L'italo- brasiliano deve essere sembrato a Lin Jarvis e alla squadra, il pilota migliore per arrivare in Factory ed affiancare Fabio Quartararo. Con lui, infatti, aveva già condiviso il box fino alla passata stagione ed ecco che dal 2022 sembra che torneranno ad essere compagni di squadra. Una scelta ovvia e giusta che a sua volta, però, lascia un altro posto scoperto in Petronas. Da capire, poi, se Valentino Rossi, deciderà di ritirarsi o continuare a correre e nel caso della seconda ipotesi ci sarà da capire se resterà con Yamaha Petronas o se deciderà di accettare la sfida Ducati salendo sulla Desmosedici del suo stesso team VR46. L'estate è ancora lunga e i colpi di mercato (e di scena) sono in agguato. Restate connessi.

MotoGP Olanda, pagelle: Quartararo risplende, Rossi nel baratro