Il fine settimana ad Assen per il pilota Honda Marc Marquez è stato molto frastagliato: iniziato con una spaventosa caduta venerdì, è proseguito con una scivolata in qualifica e una gara chiusa al settimo posto. Tutto sommato un buon risultato dato che Marquez scattava dalla 20esima posizione in griglia. Certo, chi aveva scommesso su di lui per un'altra vittoria dopo quella del Sachsenring si è dovuto ricredere, ma tutto sommato il weekend per la Casa Alata è stato positivo. Questo è quanto ha detto il team manager Alberto Puig in un'intervista a MotoGP.com.

“Sapevamo che non sarebbe stato facile”


“Il Sachsenring è una pista molto adatta alla Honda e anche a Marc Marquez. - ha spiegato Puig partendo dalla vittoria in Germania del pilota spagnolo - Marc ha avuto la possibilità e l'ha afferrata con entrambe le mani” Poi, invece, ha parlato dell'ultima gara che si è svolta in Olanda: “In passato Assen non è mai stata una pista facile per Honda come il Sachsenring, ed è stata quindi molto dura per tutti i piloti HRC. Sapevamo già prima del nostro arrivo in Olanda che non sarebbe stato un weekend facile”.

“Avrebbe potuto lottare per il podio”


Quindi il team manager Honda si è soffermato sulla prestazione di Marquez: “Abbiamo visto un grande recupero di Marc all'inizio della gara. - ha detto - È partito 20esimo e ha recuperato quasi 10 posizioni in un solo giro, questo è il Marc che conosciamo!”. In Casa Honda, quindi, si sono abbassate le saracinesche del box prima della pausa estiva con il sorriso: “Venerdì la caduta di Marc ha reso il weekend ancora più complicato. - ha concluso Puig - Senza quella caduta, penso che avrebbe lottato per il podio perché non avrebbe perso la fiducia che aveva già con la RC213V. Honda e tutta la squadra hanno cercato di reagire e hanno superato questo problema ma non è bastato. Adesso è il momento di riposarsi e prepararsi bene per la seconda parte di stagione. Marquez ad Assen ha dimostrato l'impegno e il potenziale che ha, non vediamo l'ora di rivederlo in Austria dopo la sosta quando si sarà ulteriormente ripreso”.

MotoGP: Razgatlioglu-Petronas, affare (quasi) fatto