È avvenuta mercoledì 30 giugno la consegna di un assegno di circa 50000 euro da parte della famiglia Gresini al Centro di Formazione del Dipartimento di Emergenza dell’Azienda USL di Bologna. La somma, raccolta per onorare la memoria di Fausto Gresini, verrà utilizzata per acquistare tre manichini simulatori, dotati di specifici accessori tecnologicamente avanzati che consentono di ricreare in sicurezza molteplici scenari clinici e, così, addestrare il personale medico-infermieristico come se si trovasse su un paziente critico reale. 

La consegna è avvenuta durante l'evento "Da Faenza a Bologna", una sobria cerimonia svolta presso la sede della Gresini Racing alla presenza della famiglia di Fausto insieme al Presidente della Regione Stefano Bonaccini.

Di Giannantonio in MotoGP con Gresini: “Fausto sarebbe orgoglioso”

Nadia Padovani: "Abbiamo portato avanti il desiderio di Fausto"


"Vorrei ringraziare di cuore tutto il personale sanitario dell’Unità Operativa di Terapia Intensiva dell'Ospedale Maggiore Carlo Alberto Pizzardi di Bologna ed in particolare il primario dottor Nicola Cilloni per la sua grande professionalità, umanità, continua presenza e costante supporto morale che ha dato a mio marito Fausto e a noi famigliari durante tutto il lungo periodo di ricovero nella struttura per complicanze da Covid", ha dichiarato Nadia Padovani nel corso dell'evento. "Purtroppo, il decorso della malattia non è andato come tutti speravamo. Fausto durante il ricovero aveva espresso l'intenzione di fare una donazione al reparto per supportare il personale sanitario. Io e i miei figli abbiamo ritenuto importante portare avanti il suo volere e ci siamo subiti attivati per creare un conto corrente dove far pervenire le donazioni a favore dell'ospedale ed in memoria del nostro amato Fausto, che tanto ha dato a tutti noi e al mondo del Motorsport".

"Il volano della solidarietà messa in moto da Fausto e dalla sua famiglia è una vera medicina per le ferite inflitte dal Covid su noi professionisti sanitari. Il nostro grazie non sarà mai abbastanza all’altezza del vostro gesto di cura”, ha dichiarato il Dottor Nicola Cilloni, responsabile della terapia intensiva Covid dell'Ospedale Maggiore di Bologna che ha seguito Gresini durante il suo ricovero e amico personale del team manager.

Moto3, Riccardo Rossi: “Il mio rapporto con Gresini era speciale”