Il 2020 il team Petronas l’ha concluso nel migliore dei modi, con Franco Morbidelli vice-campione del mondo in un’ottima forma con la Yamaha M1. Il 2021 però non è iniziato sulla stessa onda e questo è stato sotto gli occhi di tutti. L’italo-brasiliano ha faticato molto e anche il suo nuovo compagno di squadra Valentin Rossi ha faticato a brillare.

Razan Razali, il team principal, in un comunicato diffuso dal team ha fatto un bilancio dopo le prime nove gare: “Abbiamo avuto i nostri alti e bassi. In MotoGP è stata dura, soprattutto grazie ai buoni risultati dei nostri primi due anni, tra cui Franco Morbidelli Vice Campione nel 2020. La stagione 2021 non è iniziata come ci aspettavamo”.

Nel dettaglio, su Morbidelli e Rossi


Il 26enne non ha potuto ben figurare sempre: “Franco ha avuto problemi con la moto nel primo round, ma è tornato forte e ha conquistato il primo podio a Jerez. Sfortunatamente ha avuto il problema al ginocchio e si è operato. Questo ostacola le nostre aspirazioni per il resto della stagione, ma speriamo torni forte”. Sul Dottore ha invece detto: “Abbiamo visto un buon passo in qualifica all'inizio della stagione e alcuni miglioramenti nelle ultime gare, ma sappiamo che è stato difficile. Continueremo a sostenerlo tutto il possibile per la seconda metà dell'anno”.

MotoGP, Miguel Oliveira dice no alla Yamaha per il 2022

Gli obiettivi


Guardando nell’insieme al 2021 e alle dieci gare che li attendono, il malese ha affermato: “Cercheremo di essere tra i primi cinque in tutte le classi. In MotoGP puntiamo a stare tra i primi tre nella categoria della squadra indipendente, sappiamo che sarà difficile recuperare nella seconda metà della stagione. In Moto2 e Moto3 abbiamo bisogno che i nostri piloti siano costanti. Abbiamo il potenziale per migliorare significativamente i nostri risultati.

Le condizioni di Morbidelli


Lo scorso 25 giugno Morbidelli è passato dalla sala operatoria e Razali ci ha aggiornato sulle sue condizioni: “Franco si sta riprendendo bene. Vogliamo assicurarci che sia al 100% prima che torni, quindi ci aspettiamo che non correrà prima di Misano. Quella è una pista che ama, che conosce bene e dovrebbe essere una buona occasione per il suo rientro”.

Chi saranno i piloti del 2022?


Infine, sul mercato piloti che si è aperto dopo l’addio di Vinales, Razali ha informato: “Stiamo ancora aspettando la decisione di Valentino Rossi e Yamaha in vista del 2022. Ad ogni modo le ultime novità hanno sicuramente aperto tutte le possibilità! Ne stiamo discutendo con Yamaha e i nostri attuali piloti di MotoGP, non abbiamo fretta. Non ci sarà alcun potenziale annuncio fino a dopo le prossime due gare".

MotoGP, quanto guadagnano i piloti? La classifica degli stipendi 2021