MotoGP: una lunga pausa estiva con pochi precedenti

La MotoGP è entrata in una sosta di ben sei settimane: poche volte la pausa estiva era stata così lunga. In quasi tutti i precedenti, il leader della classe regina al momento dello stop si è confermato al comando fino alla fine. Tranne che agli albori del Mondiale...

Presente in

22 luglio 2021

Complice l’annullamento del GP Finlandia, previsto per l’11 luglio, quest’anno i piloti del Motomondiale beneficiano di una sosta estiva interminabile. Dalla gara di Assen alla successiva, al Red Bull Ring, ballano esattamente 42 giorni, un intervallo di tempo che potrebbe cambiare i rapporti di forza emersi nella prima parte del campionato. Una sosta più o meno stabilita a tavolino, a differenza dell’anno scorso quando dopo il GP Qatar dell’8 marzo, il Motomondiale riaccese i motori soltanto con il GP Spagna del 19 luglio, ovvero quattro mesi dopo, a causa della pandemia. Però al round inaugurale non aveva preso parte la classe regina e pertanto i suoi piloti, una volta

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi