Non è certamente stato un 2021 fortunato quello vissuto finora da Franco Morbidelli, attualmente ai box a causa dell’operazione al ginocchio sinistro, ma nonostante ciò il futuro appare più che roseo. Gli eccellenti risultati ottenuti nel 2020 infatti non sono certo passati sotto traccia, tanto che (come prevedibile) il numero 21 pare destinato a sostituire Maverick Vinales sulla Yamaha M1 del team ufficiale.

Conferme eccellenti


Una voce che come detto rimbalza da settimane all’interno del paddock, ma che ora gode della conferma di Razlan Razali, patron del team Petronas che attualmente schiera Morbidelli, che pare dunque pronto a lasciare andare il suo portacolori verso altri lidi.

“Anche se non c'è ancora l'ufficialità - spiega Razali - Franco dovrebbe andare a sostituire Maverick Vinales nel 2022. È un percorso naturale nonché il sogno di Franco, quindi non sarebbe giusto negargli questa opportunità. Come team gli abbiamo dato il via libera, quindi ora gli eventuali sviluppi dipenderanno da Yamaha e dalla VR46, che lo gestisce dal punto di vista manageriale”.

Largo ai giovani


Con Morbidelli promesso sposo del team ufficiale e Valentino Rossi sempre più propenso al ritiro Razali è costretto a guardarsi intorno, alla ricerca di nuovi piloti che soddisfino determinati requisiti. Radio paddock ha azzardato i nomi più disparati, da Andrea Dovizioso ad addirittura Jonathan Rea, ma il numero uno del team malese sembra essere di tutt’altro avviso.

“Non voglio mancare di rispetto a Valentino Rossi, ma l’anno prossimo non vorremo ritrovarci nella stessa posizione attuale: Valentino è migliorato rispetto all’anno scorso, ma attualmente fatica ad entrare in zona punti. Dovizioso sarebbe reduce da un anno di stop, il che si andrebbe a scontrare con l’alto livello attuale. Di conseguenza preferiamo prendere in considerazione dei giovani da far crescere, come nel caso di Quartararo, per aiutarli a fare esperienza in categoria”.

Facile dunque pensare a Raul Fernandez, pezzo pregiato del mercato Moto2, per il quale però bisogna superare l’ostacolo non indifferente rappresentato da KTM, ed in secondo luogo occorre capire se lo spagnolo voglia davvero passare in classe regina dopo un solo anno in classe intermedia, seppur di altissimo livello.

Un altro nome che potrebbe rientrare nei parametri di Razali è quello di Marco Bezzecchi, il quale però è legato a doppio filo alle sorti del neonato team VR46, e delle decisione di quest’ultima. I futuri piloti del team Petronas restano dunque un mistero, che presto però potrebbe essere risolto.

MotoGP 2022, tornerà Andrea Dovizioso?