La notizia era nell’aria ed è ora ufficiale: sarà Cal Crutchlow a sostituire Franco Morbidelli nel Team Yamaha Petronas per i prossimi tre Gran Premi. Il pilota romano è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio al ginocchio sinistro e, in comune accordo col team, preferisce riprendersi completamente prima di tornare in sella alla sua M1.

Crutchlow prenderà parte ai due GP che si disputeranno in Austria e al round di Silverstone, sua gara di casa. Si tratterà di un ritorno per il 35enne britannico, ritiratosi a fine 2020 per diventare tester Yamaha.

MotoGP, Razali: “Morbidelli sostituirà Vinales. Dovizioso? Vogliamo dei giovani”

Razali: "Non abbiamo obiettivi reali"


“Cal è un pilota esperto, sarà in grado di accumulare un buon chilometraggio salendo sulla nostra M1, un fattore che dovrebbe aiutarlo nel suo lavoro di test e sviluppo per la Yamaha”, ha dichiarato il team principal Razlan Razali. “Cal sostituirà Franco per le prossime tre gare e non abbiamo obiettivi reali in termini di risultati. Faremo tutto il possibile per farlo sentire a suo agio. Ha già familiarità con alcune persone della nostra squadra, il che aiuta e sono sicuro che è già pronto per la sfida”.

Crutchlow: "Auguro a Frankie di tornare presto"


Un entusiasmo condiviso dallo stesso Crutchlow: “È fantastico tornare a correre con la Yamaha ed essere in grado di intervenire quando necessario”. Il britannico ha colto l’occasione per augurare una pronta guarigione a Morbidelli: “Ovviamente il mio rientro non avviene nelle migliori circostanze e quindi auguro a Franco una buona guarigione, spero che torni forte dopo l'intervento al ginocchio. Sono sicuro che lo farà perché ha guidato in modo fantastico negli ultimi due anni”.

Cal non si pone obiettivi, se non quello di macinare chilometri preziosi per lo sviluppo della M1. “Penso che sia difficile fissare obiettivi per queste tre gare: sarà più importante capire la moto, dato che quest'anno ho avuto pochi giorni di guida – ha spiegato l’ex Honda e Ducati - potrò confrontare le moto e dovrei essere in grado di raccogliere molti dati per la Yamaha. La MotoGP è molto competitiva, ma non vedo l'ora e sarà bello tornare in griglia.

Quello di Crutchlow non sarà l’unico rientro eccellente che attende la top class al rientro dalla pausa estiva: nel corso del GP Stiria rivedremo in pista anche Daniel Pedrosa, nelle vesti di wild card per la KTM.

MotoGP, Lorenzo assolto in tribunale: non pagherà 35 milioni al fisco spagnolo