MotoGP: Yamaha, addio continuità

MotoGP: Yamaha, addio continuità© Milagro

Con l’uscita di Viñales a fine stagione, per la prima volta dopo l’avvento di Rossi la Yamaha cambierà la coppia di ufficiali per due anni consecutivi. Una tendenza in stile-Suzuki

Ha iniziato la Ducati l’autunno scorso, con il duplice cambio di pilota: dentro Jack Miller e Pecco Bagnaia, fuori Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci. Un avvicendamento che sembra dare frutti perché entrambi gli ex Pramac sono nella Top 5 della classifica iridata mentre l’anno scorso il ternano chiuse al 12° posto. Da quando, nel 2003, ha esordito in MotoGP, mai il team ufficiale della Casa di Borgo Panigale si era avvalso di una mossa così rivoluzionaria. Addirittura non le era mai nemmeno accaduto di sostituire entrambi i piloti nell’arco di 12 mesi, come invece sta per fare la Yamaha. Dopo l’addio a Valentino Rossi dal team ufficiale, a fine anno farà le valigi

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi