Vittoria sontuosa per Fabio Quartararo nel GP Gran Bretagna. Il francese della Yamaha, ormai sempre più leader del Mondiale, ha dapprima lasciato che gli avversari si sfogassero, salvo poi sorpassarli e staccarli grazie a un ritmo forsennato.

Se il transalpino è riuscito a scappare togliendosi subito dai guai, alle sue spalle si è sviluppata una lotta al cardiopalma per gli altri due gradini del podio. Il 2° posto è andato ad Alex Rins, autore di un’inesorabile rimonta che gli ha permesso di ricucire il gap che lo separava dalle posizioni di testa.

MotoGP, Lin Jarvis: “Morbidelli ufficiale, Dovizioso con Petronas da Misano”

Aprilia sugli scudi


Dietro lo spagnolo della Suzuki dobbiamo registrare il vero risultato di giorno, ovvero il 3° posto ottenuto da Aleix Espargaro. Un risultato che regala all’Aprilia il primo, sudatissimo podio dal rientro in top class avvenuto nel 2015. Maverick Vinales sicuramente apprezzerà.

Resta ai piedi del podio Jack Miller, 4° dopo aver tentato in tutti i modi di sorpassare la RS-GP di Aleix. 5° il poleman Pol Espargaro seguito dalle KTM di Brad Binder e Iker Lecuona. Solo 9° il campione in carica Joan Mir, battuto anche da Alex Marquez. 10° Danilo Petrucci, 12° Enea Bastianini.

Gara totalmente da dimenticare per Pecco Bagnaia e Valentino Rossi: l’alfiere Ducati ha chiuso la gara al 14° posto, mentre il Dottore ha concluso 18°.

Out Marc Marquez e Jorge Martin. 

Moto3, tripletta italiana in Gran Bretagna: Fenati 1°, Antonelli e Foggia a podio

La classifica