MotoGP, Aragon vista dai freni Brembo

MotoGP, Aragon vista dai freni Brembo

La pista spagnola ospiterà il Gran Premio questo fine settimana e gli impianti frenanti non avranno vita facile, su un tracciato tra i più impegnativi

8 settembre

La MotoGP torna nella penisola iberica, più precisamente ad Aragon che ospiterà il tredicesimo Gran Premio stagionale (ecco gli orari tv). Entrato in calendario nel 2010, è un circuito che richiede molto ai freni e a dirlo sono i tecnici Brembo che lavorano a stretto contatto con tutti i piloti MotoGP. Il tracciato rientra dunque nella categoria dei circuiti altamente impegnativi per i freni e in una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 4, eguagliato da Jerez.

A confronto MotoGP e SBK


Su questa pista corre anche la Superbike, ma queste sono più lente di 2 secondi e 3 decimi, complici le minori potenze, evidenziate da velocità di punta parecchio inferiori, e l’impiego dei dischi in acciaio rispetto al carbonio della MotoGP.

I piloti MotoGP impiegano i freni in 11 curve, una in più rispetto alla Superbike, e questa è alla curva 4. Ogni giro gli impianti frenanti della MotoGP sono in funzione per 33 secondi, cioè tre secondi e mezzo in più delle derivate di serie. La sequenza di staccate a cavallo del primo intermedio (cioè le curve 5, 7 e 8), tutte contraddistinte da una pressione dell’impianto superiore agli 8,5 bar, rischia di mettere in crisi i freni. Anche il carico complessivamente esercitato sulla leva del freno in un giro vede prevalere la MotoGP con 43,3 kg sui 40,3 kg della Superbike.

Il dettaglio: i dischi freno?


Brembo mette a disposizione dei team un’ampia gamma di dischi freno: ogni pilota della MotoGP può scegliere tra cinque geometrie di disco e per ciascuna sono disponibili due specifiche di materiale, denominate High Mass (a fascia alta) e Standard Mass (a fascia bassa) per un totale di dieci soluzioni. Inoltre per ciascun formato di disco sono disponibili due diverse mescole di carbonio che differiscono per bite iniziale e resistenza alle alte temperate. ?

Le curiosità più intriganti


Delle 11 frenate 2 sono classificate come impegnative per i freni, 5 sono di media difficoltà e le restanti 4 poco scarsamente impegnative. A differenza della Superbike, la staccata più dura per la MotoGP è alla curva 16: al termine del rettilineo di 968 metri le MotoGP passano da 339 km/h a 138 km/h in 4,5 secondi. Per farlo i piloti esercitano un carico di 6,4 kg sulla leva del freno e subiscono una decelerazione di 1,5 g mentre la pressione del liquido è di 13,8 bar. ??

MotoGP, Vinales e Aprilia finalmente insieme. Cosa aspettarsi?

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi