Si è aperto davvero molto bene il weekend di Aragon per il pilota Aprilia Aleix Espargarò. Per lui è arrivato il secondo miglior tempo nelle FP2 che lo porta senza dubbio a sperare per un buon piazzamento nella gara di domenica. Al suo fianco, poi, c'è stato per la prima volta Maverick Vinales. Ecco cosa Aleix ha detto a proposito del suo nuovo compagno di squadra.

Aleix: “Per la gara dovremo stare attenti alle gomme”


“Non mi sento di aver guidato bene la moto come a Silverstone - ha detto Aleix Espargarò intervistato da Sky -  ho fatto più fatica a fermare la moto e ho provato a guidare per non fare errori più che per cercare il limite. In ogni caso sono soddisfatto, ho provato diverse opzioni con le gomme, davanti la dura e la media e dietro tutte e tre le mescole. Su questo tracciato il degrado della gomma è abbastanza alto, quindi dobbiamo stare attenti per la gara di domenica”.

“Ho studiato lo stile di guida di Vinales”


Ecco che quindi Aleix ha parlato della prestazione del nuovo compagno di squadra Vinales: “Secondo me ha fatto molto bene - ha aggiunto -. E' difficile pretendere troppo, dopo che per alcune gare è stato fermo, è arrivato su una moto nuova e con una nuova squadra. E' andato forte, nel primo e secondo turno abbiamo guidato anche un po' insieme. Mi è sembrato di vederlo guidare simile che con la Yamaha e sono curioso di fargli alcune domande per capire il perchè di un paio di cose che riusciva a fare con Yamaha e che non fa con Aprilia, per il resto mi sembra abbastanza simile. Vediamo se sarà possibile capire il perchè di un paio di cose così ci sarà utile anche per crescere. Mi piace guardare i video in cui si vede bene lo stile che hanno gli altri piloti, e Maverick sembra che guidi molto simile che con la Yamaha anche se con il gas fa cose diverse nelle curve veloci e bisogna capire il perchè”.

“Mi sento più consapevole”


Infine, il pilota Aprilia ha parlato delle sensazioni provate dopo Silverstone: “Dopo il podio di Silverstone ero molto felice - ha concluso - ma la cosa più importante è che adesso mi sento più sicuro e più rilassato. Ovviamente ho ancora fame di ottenere podi e vittorie, ma sono più consapevole di me stesso. Lunedì mattina dopo la gara a Silverstone ho chiamato Rivola e gli ho detto: “va bene quello che abbiamo fatto però bisogna continuare a lavorare, non è ancora sufficiente, bisogna stare ancora concentrati” e lui mi ha risposto che è d'accordo con me. Abbiamo raggiunto il podio ma il nostro obiettivo è ancora lontano”.

MotoGP Aragon, Miller:”Crutchlow? Impressionante, è un pazzo!”