Per Valentino Rossi la prima giornata di prove libere ad Aragon non si è chiusa con il risultato sperato. Per lui è arrivato un 19esimo piazzamento nella classifica dei tempi combinati con il miglior tempo fatto in 1:48.649, un secondo in ritardo da quello registrato dal primo, Jack Miller. Ecco il commento del pilota di Tavullia alla fine della prima giornata.

Rossi: “Pista difficile dove non ho mai vinto”


“Questa pista è molto difficile - ha esordito Rossi a Sky - oltre che per la Yamaha anche per me personalmente. E' una delle pste dove ho fatto più fatica nella mia carriera. Fortunatamente è arrivata tardi nel Motomondiale, c'ho corso poche volte. Ricordo il duello con Dani Pedrosa, che tra l'altro persi. Alcune volte sono anche salito sul podio. C'è stata poi quella volta che sono tornato dopo la frattura alla gamba e sono arrivato quinto. Lì fu bella la qualifica perchè riuscii a partire dalla prima fila. In ogni caso la reputo una pista difficile dove non ho mai vinto”.

MotoGP Aragon, FP2: Miller sale in vetta davanti ad Aleix Espargarò

Tanto impegno, poco grip


Ma quale lavoro è stato fatto oggi sulla M1 di Vale? “Stiamo lavorando per cercare di trattare meglio le gomme - ha spiegato - che anche qui sono, come spesso succede ultimamente, la cosa che fa la differenza. C'è molto degrado della gomma posteriore qui perchè l'asfalto è aggressivo e senza tanto grip. Sto facendo un po' di fatica a guidare perchè abbiamo provato a cambiare un po' di cose. Stamani purtroppo ho fatto un errore perchè ho frenato sulla riga bianca e sono scivolato, quindi abbiamo perso tempo. Il team poi ha ricostruito la moto e il pomeriggio è andato meglio. Non sono particolarmente veloce, bisognerà soffrire anche se è solo venerdì. Su questo tracciato da un giorno all'altro c'è differenza perchè la pista un po' migliora come grip quindi speriamo di riuscire a migliorare”.

Il problema maggiore è comunque sempre il grip: “Dobbiamo fare qualcosa perchè soffriamo tanto con la gomma dietro- ha aggiunto -. Rispetto a Silverstone qui è più caldo quindi molto probabilmente riusciremo ad usare la dura e con questa in gara riesco ad avere un passo costante per più giri. Fare tanti cambiamenti però può portare ad incartarci, ma nelle ultime gare abbiamo cercato di mantenere un setting simile mentre in questo caso ci saranno da fare più cambiamenti”.

Vale: “Quando mettiamo la gomma morbida andiamo molto bene”


In ogni caso, visti i distacchi di questa prima giornata, ci sono tanti piloti che possono giocarsela: “Io ho preso solo un secondo e sono arrivato 19esimo, quindi siamo tutti molto vicini. Anche Cal Crutchlow è andato molto bene, è riuscito a fare un giro molto buono arrivando terzo. Quando mettiamo la gomma morbida andiamo molto bene, abbiamo grip dietro e la moto si può usare veramente come una Yamaha. Per la gara avrei bisogno di una gomma soft nuova ogni tre giri!”.

MotoGP Aragon, Crutchlow: “Non volevo tornare a correre ma poi...”