Si è chiuso con la settima posizione il day 1 in quel di Aragon per Fabio Quartararo, che arriva ancora una volta in pista con la nomea di uomo da battere. Il francese d’altronde non ha sbagliato un colpo sino a qui, in primis in quanto a costanza, ed anche al Motorland l’inizio sembra promettente.

“E’ stata una giornata positiva. Nelle FP2 ho iniziato bene - racconta Quartararo - poi ho provato una modifica che però non mi è piaciuta, ma nonostante questo ho avuto un bel passo. Sono contento anche dei miei time attack, dato che in entrambi i tentativi ho trovato traffico, quindi il tempo ottenuto va bene. Rispetto all’anno scorso le cose vanno in maniera totalmente diversa, ovviamente in meglio”.

Quartararo: “Non amo Aragon, ma devo essere comunque veloce”


Fabio parla poi della situazione gomme, che ancora non sembra particolarmente chiara.

“Con le gomme non è stato facile oggi, principalmente per le modifiche di assetto fatte, ma nonostante questo la gomma dura mi ha dato buone risposte. A livello tecnico direi che abbiamo del margine da sfruttare, e lo stesso vale per me come pilota”.

In conclusione il francese confessa il suo poco amore nei confronti del Motorland, e dello scontro ravvicinato avuto con un’ape.

“Questa pista non mi piace particolarmente, sin dai tempi del CEV: non so perché sinceramente, ma questa non è una scusa per non andare veloce. IN FP2 mi ha punto un’ape, ma ormai è la terza volta che succede in stagione, quindi sono abituato (ride ndr)”.

GP Aragon, Marc Marquez: “La caduta ha scombussolato i nostri piani”