Dopo le qualifiche di ieri, Valentino Rossi aveva previsto la vittoria di Pecco Bagnaia, ci tiene lui stesso a ribadirlo, a dimostrazione di un gran entusiamo e orgoglio per il risultato di uno dei pupilli della VR46 Academy. Questo risultato ripaga una prestazione deludente per il "dottore", che ha chiuso la gara in 19esima posizione dopo un week-end che attendeva con un pò di scetticismo in virtù di un tracciato mai andato troppo a genio nè alla M1 nè al campione stesso.

" Pecco ha guidato in un modo incredibile"


La prima vittoria in MotoGP di Bagnaia  regala all'Italia la certezza di avere un altro top rider; il suo mentore e amico, Valentino Rossi, esprime tutta la felicità per questo risultato: "Sono davvero felice per Pecco, innanzi tutto personalmente, siamo molto amici e passiamo molto tempo insieme, gli faccio le mie congratulazioni. La prima vittoria in MotoGP è un momento che un pilota non scorda mai e poi una successo come questo, con una battaglia fino all’ultimo giro, è fantastico. Quest’anno è stato molto veloce, ha guidato la Ducati in un modo incredibile, penso che questo era il momento giusto, l’avevo detto anche ieri. Ogni tanto Pecco è stato sfortunato con le gomme, ma oggi era il giorno giusto. Sono molto felice".

Il dottore esprime tutta la sua soddisfazione per il lavoro svolto dall'Academy: "Inoltre sono molto orgoglioso per il lavoro dell’Academy, perché Pecco è con noi sin dai tempi della Moto3, l’abbiamo aiutato per arrivare a questo livello. Siamo molto orgogliosi che sia arrivato fin qui, poi è molto bello per l’Italia che abbia vinto su Ducati. Ho visto gli highlights, è stata una battaglia fantastica, ha guidato in maniera incredibile, gara da 10 e lode. Alla fine dell’anno smetterò ma penso che Pecco e Morbidelli siano due top rider e questo è bellissimo. Mi darà molto gusto seguirli e fare il tifo".

Gara difficile e nessun punto raccolto


La gara invece non ha portato sorrisi al nove volte iridato, che già alla vigilia sapeva di andare incontro ad un tracciato particolarmente ostile per lui: "È stato un week-end difficile, sapevamo che questa pista era difficile per noi e per me personalmente. Volevo lottare per prendere qualche punto perché sapevo dalle prove di avere il passo per stare nei primi 15, ma correndo con le gomme morbide ho dovuto gestire per non consumarle troppo, avevo un passo consistente ma non ero veloce abbastanza”.

Un'ultima considerazione sul binomio Vinales-Aprilia, per la prima volta insieme in gara: "Ho visto Maverick migliorare tanto in gara, aveva un buon passo, è stato capace di migliorare molto, in alcune aree ho visto che non aveva gran feeling con le frenate, ma l’Aprilia ha molto potenziale e Maverick è un top rider quindi penso che possa diventare molto competitivo in breve tempo".

MotoGP Aragon, è gioia per Bagnaia: “Dalle situazioni difficili nascono belle cose”