La prima gara disputata da Maverick Vinales in sella all'Aprilia si è conclusa con il diciottesimo posto sul circuito di Aragòn. Tuttavia, il risultato finale in questo caso passa in secondo piano, in quanto “Top Gun” ha utilizzato il weekend per comprendere al meglio la moto della Casa di Noale dopo diversi anni passati in Yamaha.

L'obiettivo del weekend, come conferma lo stesso Maverick, era quello di proseguire la presa di contatto con la RS-GP: “Chiaramente non ci aspettavamo un grande risultato in termini di posizione ed abbiamo utilizzato anche la gara per migliorare la mia confidenza con una moto completamente diversa rispetto a quella a cui ero abituato. Ho chiuso a circa venti secondi da Aleix Espargarò che questa moto la conosce molto bene, perciò penso sia un buon punto di partenza”.

Un aspetto su cui devo ancora migliorare molto è l'ingresso in curva, perchè per ora non riesco ad avere la giusta confidenza per affrontare le staccate in maniera aggressiva, ma per il resto il feeling è buono e anche il consumo delle gomme è contenuto, a tal punto che durante la gara sono riuscito a tenere un passo molto simile a quello che avevo nelle FP4”, prosegue il numero 12.

MotoGP Aragon, Bastianini: “Abbiamo concretizzato l'ottimo lavoro svolto”

“Uscire dalla mia comfort zone è stato utile”


Maverick è sicuro che questa nuova sfida possa essere un bene per lui: “Credo che uscire dalla mia comfort zone e affrontare una sfida completamente nuova sia stato utile per me, ma anche per Aprilia. In questo finale di stagione possiamo lavorare in ottica 2022 per arrivare pronti alla nuova stagione e, soprattutto, posso conoscere la squadra e il loro metodo di lavoro. Ciò che ho notato, per ora, è che questa è una moto davvero fisica, ma quello non è un problema”.

C'è ancora molto da imparare, ma sono ottimista in vista del prossimo appuntamento di Misano, dove ho già percorso diversi chilometri nelle scorse settimane. Aleix sta dimostrando che il potenziale della moto è alto, perciò arriveremo in alto anche noi”, conclude serenamente Vinales.

MotoGP Aragon, è gioia per Bagnaia: “Dalle situazioni difficili nascono belle cose”