MotoGP, ufficiale: Andrea Dovizioso in Yamaha Petronas fino a fine stagione

MotoGP, ufficiale: Andrea Dovizioso in Yamaha Petronas fino a fine stagione

"Correre per la Yamaha è sempre stato il mio sogno ed è per questo che, quando se ne è presentata l'opportunità, non ci ho pensato due volte", ha raccontato l'ex Ducati. Dovi farà coppia con Valentino Rossi già a parte dal GP San Marino e rimarrà nella squadra malese per tutto il 2022

16 settembre

Sarà Andrea Dovizioso ad affiancare Valentino Rossi nel Team Yamaha Petronas fino al termine della stagione. Una notizia già annunciata diverse settimana fa, che ha trovato l'ufficialità alla vigilia del Gran Premio di Misano in programma il 19 settembre.

Si tratta di un ritorno per il forlivese, che aveva lasciato la MotoGP a fine 2020 prima di decidere di rimettersi in gioco in sella alla M1 appartenuta a Franco Morbidelli, passato a sua volta nel team ufficiale di Iwata. Il contratto firmato da Dovizioso sarà valido anche per la stagione 2022.

Andrea Dovizioso al rientro in MotoGP, colpo Yamaha o scommessa?

Dovizioso: "Mi attende una nuova sfida"


"Correre per la Yamaha è sempre stato il mio sogno ed è per questo che, quando se ne è presentata l'opportunità, non ci ho pensato due volte, anche se so che per me sarà una sfida molto impegnativa", ha raccontato il campione del mondo 2004 della classe 125. "Ho tante cose da imparare: una nuova moto, un nuovo team, un nuovo metodo di lavoro. Una grande sfida che parte da Misano, il mio GP di casa e questo rende tutto ancora più emozionante. Non vedo l'ora di salire sulla mia M1".

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Andrea Dovizioso (@andreadovizioso)

Vota il sondaggio: In che posizione Dovizioso chiuderà la gara a Misano?

Jarvis: "Siamo sicuri che Andrea ritroverà presto la sua velocità"


“Siamo lieti che una stella della MotoGP e un talento come Andrea si uniscano alla nostra compagine. Gli diamo il nostro benvenuto", ha commentato a sua volta Lin Jarvis, Managing Director Yamaha Motor Racing.

"Quest'anno ci siamo trovati in circostanze senza precedenti che hanno portato a problemi con i piloti totalmente inaspettati per entrambi i nostri team. Abbiamo vissuto degli imprevisti, ma siamo stati capaci di trasformare i problemi in nuove opportunità - ha proseguito Jarvis - Andrea è stato lontano dalla MotoGP per un breve anno sabbatico, ma siamo certi che un pilota del suo calibro ritroverà presto la sua velocità. Non vediamo l'ora di lavorare con lui".

MotoGP, Rossi felice per Pecco: "La prima vittoria non la scordi mai"

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi