L’obiettivo di Fabio Quartararo per questo primo dei due weekend di Misano è dimenticare l’8° posto di Aragon e ripartire da un tracciato molto favorevole alla Yamaha sebbene l’anno scorso il francese sia andato in sofferenza sulla pista romagnola. 

Nella conferenza stampa il francese ha parlato a tutto tondo di Misano, Michelin ed il problema di Aragon

Quartararo: “A Misano sono sempre andato bene”


Fabio Quartararo apre la conferenza stampa parlando della gara che lo aspetta pensando a quanto successo ad Aragon. “Ad Aragon qualcosa è andato storto e lo abbiamo analizzato. E’ bello tornare a gareggiare a Misano e dimenticare quanto è successo settimana scorsa. Misano è uno dei circuiti che mi piace anche se l’anno scorso abbiamo sofferto un po’. Quest’anno con la moto nuova mi sento più sicuro e possiamo lottare per un bel risultato”.

Poi parla del meteo e della possibilità di pioggia per domenica: “Il meteo è uguale per tutti. Cercheremo di fare del nostro meglio e speriamo che resti sereno fino a domenica sera”.

Guarda la MotoGP live su DAZN. Attiva Ora

“Per me le gomme sono molto performanti”


Il francese parla della questione gomme, sollevata anche in Safety Commission ad Aragon prima del rinnovo di Michelin con Dorna fino al 2026. “Dal mio punto di vista le gomme sono molto performanti, ci permettono di essere molto veloci. Rispetto al 2019 la costanza è migliorata, è anche vero che può capitare una gomma 'strana' sia in prova, che anche in gara. Ne abbiamo parlato in Safety Commission della qualità che deve essere sempre uniforme. Sono molto felice del rendimento delle gomme ma c’è questo piccolo aspetto che deve essere migliorato”.

Poi parla di quanto successo in gara ad Aragon: “Non è stata una gomma difettosa il problema di Aragon quanto le pressioni ad inizio gara. Le pressioni erano alte e non avevo grip per fermare la moto. Abbiamo imparato la lezione per la prossima volta che torneremo ad Aragon. Ora ci troviamo in una situazione totalmente diversa ed è stato positivo chiarire insieme al team cosa fare per il futuro”.

MotoGP Misano, Morbidelli: “Punto in alto, la squadra ufficiale lo richiede”