Andrea Dovizioso è al suo primo approccio con la Yamaha Petronas e quella di oggi è stata una giornata particolare: le condizioni della pista sono state bagnate, a parte la prima mezz'ora del mattino e il nuovo pilota Petronas ha avuto a che fare con diversi “problemi” relativi alla posizione sulla moto.

La prima analisi di Andrea: “Posizione da trovare”


“Per adesso sto combattendo sulla posizione - ha detto Andrea in conferenza stampa - altrimenti se già fossi a pensare ad entrata in curva o alla staccata sarei molto più avanti di così. Quando ancora stai lavorando sulla posizione e non ti senti bene, non riesci a mettere insieme il punto di frenata, l'inserimento a centro curva e in uscita. Stamani quando l'asfalto era asciutto ero ancora molto indietro sull'aspetto della posizione ma me lo aspettavo esattamente così ed è normale. Sono aspetti che di solito si guardano nei test invernali, anzi, è un lavoro che si fa a fine stagione in modo che poi uno possa essere a posto nel primo test pre stagione. Sono cose normali, sapevo che saremmo andati incontro a queste difficoltà ed è per questo che ho deciso di partecipare a questa gara. Avevo la possibilità di fare il test dopo questa gara ma essere qui durante il weekend accelera il lavoro e quello che vedrò in gara mi sarà utile per fare meglio il test. Tutto quello che viene quindi va bene. Per adesso non sono minimamente vicino ad avere dei feedback sulla moto però questi feedback sicuramente arriveranno quando inizierò a far scendere i tempi. Quanto senti cosa c'è sull'asfalto, sulla gomma anteriore e posteriore è stata una bellissima sensazione”.

MotoGP Misano, FP2: Ducati al top sul bagnato, comanda Zarco

Dovizioso: “Prima la posizione, poi i feedback”


Ma quindi cosa ha capito Andrea da questa prima giornata? “Cosa ho capito della Yamaha? - ha aggiunto - Per adesso ho preso due secondi e mezzo dagli altri quindi ho potuto capire solo le cose importanti: capisci la potenza, l'elettronica, i curvoni ma i dettagli del motore li capisci quando fai certi tempi, non quando prendi due secondi e mezzo. E' normalissimo quello che sta succedendo, stiamo lavorando e non ha senso dare certi feedback quando non fai dei tempi consoni. Già con l'Aprilia avevo percepito sensazioni diverse da quelle avute negli ultimi otto anni, ma sinceramente certe cose le capisci immediatamente quando entri in pista a livello di posizione e altre finchè non vai in moto da fermo non le puoi capire. Quando sono partito in pit lane ho detto “è sufficientemente larga per metterci qualche giorno a trovare la posizione giusta”.

MotoGP, Bagnaia e le tre motivazioni extra per vincere a Misano