Andrea Dovizioso continua il suo processo di apprendimento in sella alla Yamaha riducendo sempre di più il gap dai piloti davanti, come mostrato nelle qualifiche del GP San Marino. “Oggi sono riuscito a spingere di più, avvicinandomi agli altri. Era questo il nostro target: cercare di preparare al meglio ai test che ci aspettano martedì e mercoledì” ha commentato l’ex ducatista, autore dell’ultimo tempo al termine del giornata.

MotoGP Misano, Bagnaia: “Io erede di Rossi? No! Come lui nessuno”

Dovi: "Il mio feeling aumenta"


Il forlivese entra nel merito del lavoro svolto: “Ieri non ho spinto, non potevo forzare, mentre oggi mi sentivo meglio in sella alla moto. Adesso posso iniziare a comprendere la M1, che mi sembra molto simile a quella del 2012 ma davvero differente dalla Ducati a cui ero abituato. Come mi trovo in sella alla Yamaha? Ci sono tante cose positive in entrata di curva, ma ci vorrà tempo per comprenderle. La moto trasmette tutto ciò che fai, non è così facile. Misano è una pista breve ma ha dei tratti veloci, sentirsi a proprio agio qui è positivo”.

“Lavorare con Forcada mi piace. Ramon conosce esattamente la moto e quindi riesci a fare dei cambiamenti mirati per migliorare il set-up, averlo al mio fianco è ottimo”.

Vota il sondaggio:chi vincerà il GP di San Marino?

"Rossi? Era curioso dei miei pareri"


A Dovizioso viene chiesto un parere tra la M1 attuale e quella guidata nel 2012 ai tempi del Team Tech3: “Il DNA è sempre quello, ma quando ci sali in sella dopo tanto tempo è normale rimanere sorpresi. Non credo userò la moto nuova nei test, ma in questo momento è meglio così, perché non avete idea di quanto sia differente la Yamaha rispetto ai riferimenti che ho. Devo cambiare il mio stile di guida. Quel che conta è avere la moto nuova nei test di fine stagione”.

“In realtà non è cambiata la Yamaha, ma la MotoGP – continua il campione del mondo 2004 della classe 125 - 3 anni fa si sapeva su quali circuiti un Marchio sarebbe andato forte e su quali no, ma adesso non è più così. Basti pensare che Quartararo poteva vincere in Austria. Non si possono fare i ragionamenti di una volta, contano poco. Bisogna adeguarsi”.

Dovizioso ha parlato anche di Valentino Rossi, suo compagno di box fino a fine stagione: ”Con Valentino abbiamo scambiato due chiacchiere, era curioso di sentire il mio parere sulla moto. Diciamo che in passato l’ho visto più sul pezzo”.

Chi vincerà domenica? Dovi non ha dubbi: “Bagnaia ha il passo per vincere, qui va forte, è una sua pista e la Ducati ha fatto tanti test con Pirro qui. Sembra che Quartararo ne abbia di più, ma secondo me non è così”.

MotoGP, arriva la gara di Misano: gli orari TV di Sky, DAZN e TV8